Fiat: Parte in Russia la joint venture con Ojsc Kamaz

Fiat: Parte in Russia la joint venture con Ojsc Kamaz

Mosca – Con una cerimonia svoltasi a Mosca, la nuova joint venture tra Case New Holland (Cnh), controllata da Fiat, e Ojsc Kamaz, il maggior produttore russo di camion, ha annunciato
l’avvio della produzione dei nuovi modelli di trattori (T9060, T9040 e T8050) e mietitrici (CSX7080 e CSX7060) di New Holland Agriculture nello stabilimento di Naberezhnye Chelny, nella
repubblica russa del Tatarstan, 1.000 km a est di Mosca.   

L’impianto, come ha spiegato all’Ansa l’amministratore delegato di Cnh international Franco Fusignani, si estende su un’area di oltre 50 mila metri quadri e produrrà inizialmente per il
mercato russo e in seguito per gli altri Paesi della Csi, la comunità di Stati indipendenti sorta dalle ceneri dell’Urss.

L’investimento iniziale, di 70 milioni di dollari, finanzierà una capacità produttiva annuale di 4 mila unità, come stabilito sostanzialmente dall’accordo preliminare
formalizzato lo scorso ottobre a Mosca dall’amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, e dal premier russo, Vladimir Putin.   

“Abbiamo deciso di essere più vicini ai nostri clienti e di produrre le mietitrebbia e i trattori più innovativi in Russia” per far fronte alla crescente domanda nella regione, ha
spiegato Roberto Valfre, responsabile commerciale di New Holland Agriculture per la Russia.
Un esempio della strada che la leadership russa vorrebbe perseguire per modernizzare il Paese, attraendo investimenti e know how straniero.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento