“Fancy-Food: l'Abruzzo in prima linea”

Pescara, 7 Gennaio 2008 – L’Abruzzo sarà sponsor e protagonista dell’edizione 2008 dello Spring Fancy-Food di Chicago, il brillante risultato è frutto di un’azione
congiunta della Camera di Commercio di Pescara, del Centro Estero delle Camere di Commercio d’Abruzzo e dell’Assessorato regionale all’agricoltura.

L’iniziativa è stata presentata, oggi, presso la Camera di Commercio di Pescara alla presenza del rappresentante della Fiera in Italia, Donato Cinelli, della giornalista americana,
Denise Shoukas esperta del settore agroalimentare, e di un folto numero di imprenditori dell’agroalimentare regionale.
Dal 27 al 29 aprile un settore del McCormick Place di Chicago sarà interamente dedicato alle eccellenze dell’agroalimentare abruzzese con aree espositive riservate alle imprese e stand
per la degustazione dei prodotti.

Alle attività espositive si aggiungeranno altri due importanti eventi: una cena dedicata ai sapori della nostra regione che vedrà la partecipazione dei più importanti
operatori americani e canadesi del settore agroalimentare ed un seminario dedicato all’olio d’oliva organizzato in collaborazione con «Fiera Milano».
L’intervento prevede anche la realizzazione di una campagna di marketing mirata. E’, infatti, prevista la realizzazione di un inserto monografico sull’Abruzzo e sui prodotti agroalimentari
regionali all’interno di «Specialty Food» la rivista curata dalla NASFT (National Association for the Specialty Food Trade) che, grazie ad una tiratura di oltre 40.000 copie, vanta
una distribuzione capillare tra distributori e operatori del settore agroalimentare del centro America. L’inserto sarà anche presente on-line per un anno sul sito del Fancy-Food, uno dei
siti più cliccati dagli addetti ai lavori.
Gli operatori presenti hanno accolto con entusiasmo l’iniziativa, condividendo appieno la scelta di puntare sul Fancy-Food che rappresenta, indubbiamente, la migliore e più efficace
vetrina per i mercati più ricchi e ad alto potenziale del nord America (solo questo mercato assorbe attualmente il 25% delle esportazioni regionali) del Canada e dell’intera area NAFTA.

Leggi Anche
Scrivi un commento