Faido, Canton Ticino: è Antonino Messina, cuoco, la nuova certezza della Cucina Italiana in Svizzera

Faido, Canton Ticino: è Antonino Messina, cuoco, la nuova certezza della Cucina Italiana in Svizzera

Italo Cremona giornalista specializzato e curatore di diverse guide enogastronomiche, l’ha premiato a Monza lo scorso anno come il miglior giovane chef  d’Italia e  Antonella Clerici
nella sua seguitissima trasmissione televisiva Rai l’ha accolto come il nuovo faro della cucina italiana.
(nel box a parte riporto il suo pensiero culinario).

Mi preme sottolineare che da anni conosco questo piccolo cuoco (piccolo nel senso della statura, agilissimo, in cucina è un furetto)  e l’ho seguito per sette anni nelle sue peripezie
culinarie che lo hanno visto nelle migliori cucine italiane consegnare delizie del gusto, ma non solo: lasciare tracce, consigli e una serie di apprezzamenti.
Nasce in un piccolo paese della provincia di Trapani, Custonaci, sole a picco sulle cave, pochi soldi, fatica, poi a quattordici anni aiuto  pizzaiolo, poi la mitica valigia di cartone e via
nel profondo e ricco Nord: qui stage su stage nei migliori ristoranti, tanto da divenire executive chef al “Griso” di Lecco.
Ha qualcosa di magico nel presentare nel piatto i saperi & sapori della sua terra.
Gli ho chiesto il perché, invece che location di assoluto prestigio, ha scelto la quiete di queste valli svizzere:

Antonino Messina:
-“perché la Stua di Faido, ottimo ristorante con una cucina attrezzatissima ed una sala calda ed accogliente, in questa bellissima Valle Leventina a pochi chilometri dal Gottardo, mi
permette con i suoi silenzi, tranquillità, tempi diversi e tante erbe aromatiche rupestri spontanee.
Una ricerca continua che nella routine spesso stressata  della ristorazione di lusso non avrei potuto trovare, e poi far assaporare a queste genti il sapore del Mediterraneo che sempre mi
incanta”
Antonino Messina e la sua cucina a Faido, valgono il viaggio.

ALBERGO FAIDO
RISTORANTE LA STUA
FAIDO
CANTON TICINO-SVIZZERA
TELEFONO 0041.91.866.15.55
www.albergofaido,ch
info@hotelfaido.ch

____________________________
ANTONINO MESSINA, CUOCO, LA MIA FILOSOFIA

HO PORTATO CON ME LA PARTE PIU’ ROVENTE, ASSETATA E CALEIDOSCOPICA DELLA MIA SICILIA, QUELLA SICILIA CHE SCENDE DALLE COLLINE VERDI DI ERICE E SI GETTA NEL MARE DELLE SALINE DI TRAPANI.
LA SICILIA DEL COUS COUS E DELLA IMMENSA CUCINA DI STRADA, DELLE PATELLE E DEI RICCI DI MARE, PANNELLE E ARANCINI,  SALSA DI TONNO CHE PROFUMA DI ZAGARE E DI VINO,  IL MOSCIAME DI TONNO
DEI “TONNI DA CORSA”, LE BUSIATE  CON IL PESTO ALLA TRAPANESE CON LE SUE MANDORLE, PECORINO E POMODORI.
HO DENTRO DI ME, E PORTO IN GIRO PER IL  MONDO, I SAPERI E SAPORI DELLA MIA TERRA, QUELLA TERRA ARSA DI CUSTONACI DOVE DA PICCOLO ERO A CAVAR PIETRE SU  TORNANTI A GHIRIGORI BRUCIATI
DAL SOLE E INTRISI DI PROFUMI. 
MI RICORDO DI BREVI RIPOSI NELLE FRESCHE GROTTE DI CUSTONACI SBOCCONCELLANDO
” U PANI CUNZATU” (pane, olio di oliva, sarde salate e pomodori) SEDUTO,  E FUORI, IL CIELO TERSO PROFUMATO DI CAPPERI.
QUASI UNA MISSIONE. FELICE DEL MIO LAVORO.
antonino messina cuoco

_________________

SPARTITO DELLA SERATA DI GALA RISERVATA AI GIORNALISTI SVIZZERI ED ITALIANI AL RISTORANTE LA STUA DI FAIDO
Mercoledi, addì ventisette,  del giorno ottobre dell’anno di grazia duemiladieci

Cena di gala per i sigg, giornalisti e “Media” presentazione nuovo  chef della Stua di Faido Antonino Messina, e le nuove iniziative

Per aprire
– torcione di fois gras e gelatina di lamponi
– conchiglia di San Giacomo (capasanta)  dorata alla pancetta stirata
– battuto di gamberi rossi siciliani con frutto della passione

Per continuare
– variazioni di quaglia
– ravioli alla Stua
– sella di capriolo con castagne, pistacchi e pera martina al vino rosso

Per finire
– soufflé di cioccolato con zabaione al Marsala Vergine “Riserva”
– caffè con la nostra piccola pasticceria e “cannoli”
___________________
Vini di accostamento
– Franciacorta  La Montina Millesimato 2005

– Müller Thurgau Franz Hass 2008
– Bolgheri rosso Alfeo cantina Ceralti 2007
– Merlot Franz Hass 2006

– Moscato d’Asti Cugnego cantina Malgrà
– Vin Santo Riserva doc 2002 Sorelle Polazzi

 

Attilio Scotti
Enogastronomade

Foto di Roberto Bosia www.ch-ti.ch

Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento