Fa’ la cosa giusta!: Quest’anno la grande protagonista sarà l’alimentazione

Fa’ la cosa giusta!: Quest’anno la grande protagonista sarà l’alimentazione

Dal 25 al 27 marzo torna Fa’ la cosa giusta!, la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, dopo il successo della passata
edizione, che ha visto la partecipazione di 65mila visitatori e 620 espositori.

Quest’anno la grande protagonista sarà l’alimentazione, con una sezione speciale completamente dedicata al cibo buono e giusto: non solo
agricoltura biologica o biodinamica, produttori a filiera corta o a km zero, ma anche ricette contro lo spreco e percorsi interattivi alla scoperta dei nostri prodotti culinari.

All’interno della sezione speciale Mangia come parli, infatti, sarà possibile scoprire come portare l’alimentazione sostenibile “dall’orto al
piatto”, imparando come auto-produrre gli alimenti in casa, dove acquistarli da produttori realmente affidabili e, naturalmente, come cucinare in modo sano e a basso impatto ambientale.

Per mettere direttamente in pratica questi principi, in fiera ci si potrà immediatamente cimentare con le tecniche della cucina sostenibile grazie all’iniziativa “La cucina fa spettacolo”. In uno spazio attrezzato con utensili ed elettrodomestici, cuochi milanesi, food blogger, consorzi di produttori, semplici appassionati e
“vip” dei fornelli si alterneranno nel presentare ricette legate alla tipicità, al riuso degli scarti, alla sperimentazione, alla tradizione italiana.

Uno dei protagonisti della sezione sarà l’eco-cucina di Lisa Casali e Tommaso Fara, che, all’interno di laboratori dedicati ad adulti e bimbi,
insegneranno come cucinare dei gustosissimi piatti utilizzando ciò che normalmente viene considerato uno scarto da buttare: bucce di verdura e frutta, semi, parti verdi e legnose dei
vegetali.

L’eco-cucina utilizza ingredienti di produzione locale e da filiera corta, prodotti di stagione, da utilizzare in ogni loro parte e impiega tecniche innovative per ridurre i consumi di energia
anche per la cottura dei cibi. La più originale è sicuramente quella in lavastoviglie, che sfrutta il calore prodotto dall’elettrodomestico per cuocere a vapore gli alimenti,
posti all’interno di contenitore sottovuoto. Una tecnica inusuale ma dal risultato sorprendente: assicura, infatti, una cottura lunga e a bassa temperatura (60-70° costanti), ottima in
particolar modo per uova e carne.

Tra i diversi laboratori proposti all’interno della sezione speciale Mangia come parli vi sarà “Colori dell’orto”, a cura di Civiltà
Contadina, che insegnerà la preparazione di patè vegetali: piatti semplici per composizione e preparazione, ma intriganti e gustosi. Il laboratorio sarà realizzato anche in
alcune sessioni dedicate ai più piccoli (3-10 anni) in cui impareranno a conoscere gli ortaggi e a preparare dei semplici piatti utilizzandoli come ingredienti.

E per cucinare in tempi di crisi un incontro propone la cucina delle piante spontanee, comunemente dette “erbacce”, per riscoprire l’antica tradizione dell’utilizzo di queste erbe a scopi
culinari.

A Fa’ la cosa giusta! il cibo potrà anche essere assaggiato, grazie alle molte degustazioni organizzate nel corso dei tre giorni di fiera: i formaggi offerti da Onaf (Organizzazione
Nazionale Assaggiatori Formaggi), le birre artigianali di Unionbirrai e il vino raccontato da Officina Enoica e dai suoi vignaioli. Anche Milanovino, nuova società di distribuzione di
vini che sarà partner della sezione Mangia come parli, proporrà l’assaggio dei propri vini con storie esemplari, che potranno essere anche acquistati nell’enoteca di Fa’ la cosa
giusta!

L’area street food permetterà di gustare piatti veloci della tradizione italiana. Ad esempio le olive all’ascolana cucinate dall’Azienda Caponi
con ingredienti biologici e fritte al momento, le bombette di Alberobello, golosissimo Presidio Slowfood preparato con bocconcini di carne avvolti nella pancetta e cotti alla griglia. E per
addolcirsi il palato: le crêpes biologiche della Bio Creperia.

E per scoprire come nascono gli alimenti che tutti i giorni finiscono sulle nostre tavole. Si potrà assistere alla preparazione “in diretta” di prodotti tradizionali come mozzarelle e
ravioli, ma anche di cibi particolari come le salsicce e il kebab vegani (preparati senza l’utilizzo di carne né di altri prodotti di origine animale).

Mangia come parli, con oltre 150 espositori e decine di incontri, degustazioni e laboratori, sarà uno dei più importanti eventi in Italia dedicati al tema dell’alimentazione sostenibile: una grande “tavola imbandita” a cui siederanno produttori di agricoltura biologica, biodinamica, a “km zero” e del commercio equo e
solidale, ma anche Gruppi d’Acquisto Solidale, presidi Slowfood, fattorie sociali e didattiche, consorzi di prodotti tipici.

Non mancheranno momenti di approfondimento sulle politiche di educazione alimentare e sulla promozione dell’agricoltura, a cui parteciperanno ONG, cuochi
e gourmet, produttori e ristoratori, istituzioni nazionali e locali.

Fa’ la cosa giusta! sarà anche molto altro: 12 le sezioni tematiche, dedicate ai bambini e alle famiglie, alla casa, ai viaggi solidali e alla mobilità sostenibile.

Non finisce qui: oltre allo shopping a qualità totale (bello, buono, giusto e verde) e ai laboratori di autoproduzione, Fa’ la cosa giusta! offrirà anche un ampio programma di
incontri culturali e molti momenti di convivialità all’interno di punti ristoro tanto sostenibili quanto gustosi.

FA’ LA COSA GIUSTA! 2011
da venerdì 25 a domenica 27 marzo
fieramilanocity, viale Scarampo 14, Milano (MM1 Lotto Fiera)
padiglioni 2 e 4, ingresso da Porta Scarampo

Giorni e orari di apertura:

Venerdì 25 marzo: 9 – 21
Sabato 26 marzo: 9 – 23
Domenica 27 marzo: 10 – 19

Ingresso con catalogo, acquistabile all’entrata al prezzo di 6 euro.

L’acquisto di una copia del libro Vestiti che fanno male di Rita Dalla Rosa (in vendita all’entrata a 10 euro) permette l’ingresso per i 3 giorni della fiera.
Per i minori di 14 anni l’ingresso è libero .

per info: www.falacosagiusta.org

Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento