Explorer: Microsoft di nuovo sotto accusa per abuso di posizione dominante

Microsoft è di nuovo sotto accusa, questa volta il colosso di Bill Gates è attaccato da Opera Software, che ha inviato un esposto all’Antitrust europeo affinché obblighi
“Microsoft a slegare Internet Explorer da Windows e/o portare sul desktop preinstallati browser alternativi”.

La società norvegese che si occupa principalmente di browser web, dunque, accusa Microsoft (di nuovo) di abuso di posizione dominante, poiché avrebbe intenzione di preinstallare
Internet Explorer su Windows utilizzando degli standard web non accettati, che impedirebbero all’utente di scegliere un altro browser.
“In secondo luogo – si legge nella nota diffusa dalla società norvegese – [Opera] chiede che la Commissione Europea richieda a Microsoft di seguire gli standard Web fondamentali
accettati dalle comunità di Web-authoring” poiché “il controllo unilaterale di Microsoft sugli standard in alcuni mercati crea uno standard de facto che è più
costoso da supportare, più duro da mantenere e tecnologicamente inferiore e che può anche esporre gli utenti a rischi sulla sicurezza”.

Opera, inoltre, ha spiegato che “anziché innovare, Microsoft ha serrato i consumatori sul suo stesso browser”: “Ad esempio Internet Explorer è l’unico browser moderno che non
supporta Acid2 – ha spiegato sul blog Hakon Wium Lie, il leader della società – Poiché Internet Explorer non implementa standard Web aperti e pienamente sviluppati, il lavoro
è duro e frustrante. I Web designer sono forzati a passare del tempo a lavorare sui bachi di IE piuttosto che eseguire quanto li ispira…”.
“Non cerchiamo soldi da Microsoft, ma piuttosto vogliamo vederla mettere al lavoro il suo considerevole talento e risorse per la comunità Web”, ha concluso Lie.
In attesa che la Commissione dia il suo responso, il portavoce di Microsoft, Jack Evans, ha risposto a tono, ribadendo che “gli utenti di computer hanno la completa libertà di scelta di
usare e impostare come predefinito qualsiasi browser desiderino, incluso Opera, e i produttori di pc possono anche preinstallare qualsiasi browser come predefinito su qualsiasi macchina Windows
vendano”: “Internet Explorer è parte integrante del sistema operativo Windows da oltre un decennio e supporta un ampia gamma di standard Web…- ha concluso Evans – chiaramente
coopereremo su qualsiasi indagine relativa a queste questioni”.

Leggi Anche
Scrivi un commento