E’ nato il nuovo sito web www.piemonteoutdoor.it

E’ nato il nuovo sito web www.piemonteoutdoor.it

È stata presentata oggi dal presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, e dall’assessore all’Economia montana, Parchi e aree protette, Gian Luca Vignale, la nascita del nuovo sito
web: www.piemonteoutdoor.it. Abbondanza di contenuti, facilità di navigazione, partecipazione e interazione sono le caratteristiche del
nuovo portale.

Leit motiv dell’iniziativa è l’outdoor, ovvero tutte le attività praticabili all’aperto, sportive, ricreative, enogastronomiche, culturali, che le montagne e i Parchi piemontesi
offrono, con lo slogan “Alpi per passione”.

Con questo obiettivo, partendo dai dati già presenti in rete o a disposizione della Regione Piemonte, è stato chiesto a tutte le realtà locali e regionali di volere
condividere le informazioni o archivi per la realizzazione di una grande vetrina, interattiva e partecipativa, della montagna e dei Parchi piemontesi.

Il risultato del grande lavoro svolto è un portale ricco di informazioni e interattivo in grado di presentare al visitatore tutte le opportunità, sportive, enogastronomiche,
culturali e turistiche, che la montagna piemontese offre. In effetti i servizi del portale sono tantissimi: oltre alla descrizione di tutte le discipline sportive dell’outdoor, con relativi
percorsi e mappe interattive e indicazioni meteo aggiornate, è presente un elenco di rifugi, B&B, hotel e alberghi ma anche circoli golf, centri benessere e parchi avventura con
fotografie e possibilità di commentare e dare un giudizio. Sono indicate anche tutte le iniziative, eventi, manifestazioni sulle Alpi e nelle aree protette piemontesi ed è
presente una sezione dedicata alla cultura, in cui vengono presentate residenze, musei, siti di importanza storico-culturale del Piemonte.

Nelle singole pagine sono visualizzate dettagliate informazioni (localizzazione, indirizzo, informazioni geografiche) sulle singole attività o luoghi,  il servizio di 
localizzazione sulla mappa, i contatti, i servizi meteo aggiornati, i collegamenti ipertestuali e i commenti degli altri utenti.

Il sito permetterà la condivisione e l’aggiornamento immediato di tutti i contenuti. È presente inoltre una mappa interattiva, dove è possibile geolocalizzare gli eventi, i
sentieri su mappa e visualizzare siti di interesse o località dove poter praticare la disciplina sportiva preferita. Grazie alla mappa si potrà inoltre visualizzare l’intera rete
sentieristica ed escursionistica piemontese.

Si potrà trovare anche un forum di discussione, dove appassionati o visitatori potranno confrontarsi, scambiarsi idee, notizie o suggerimenti.

Il portale vuole infatti essere contenitore interattivo dell’intero patrimonio sportivo, turistico, culturale ed enogastronomico della montagna e dei parchi piemontesi o già in rete o
presente nei database regionali o patrimonio delle singole realtà locali.

I numeri del sito sono straordinari. Solo per elencarne alcuni, nel portale sono descritti 4.500 tra ristoranti (2.700), trattorie e pizzerie,  6.000 luoghi in cui pernottare, 1.000
presentazioni di luoghi e interesse in cui sportivi e loro famigliari possono rilassarsi o divertirsi, 600 schede di itinerari per escursionismo, mountain bike, cicloturismo, turismo equestre,
sport d’aria, sport d’acqua, sci e snowboard.

Alla ricchezza e varietà di contenuti e informazioni del sito, si aggiunge una pagina facebook dedicata all’outdoor, dove cittadini e internauti potranno inserire proprie foto, giudizi o
iniziative per arricchire ulteriormente i contenuti sia del portale che della pagina social.

Il sito presto verrà tradotto in più lingue per permettere ai turisti stranieri di usufruire dei contenuti del portale.

“Piemonteoutdoor.it – spiega il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota  – è uno strumento fondamentale per la promozione turistica, sportiva e culturale del Piemonte.
Questa iniziativa, grazie infatti alla potenza della rete, permetterà di presentare le bellezze e le peculiarità piemontesi nel mondo, con un sicuro ritorno economico, turistico e
di immagine per il nostro meraviglioso territorio. Puntare sulla partecipazione e condivisione on line delle bellezze piemontese è in linea con l’impegno della Regione Piemonte per
l’innovazione e le tecnologie digitali”.

“Il primo obiettivo di Piemonteoutdoor.it – spiega Gian Luca Vignale, assessore all’Economia Montana ed ideatore del progetto – è facilitare la ricerca e l’individuazione di
attività, percorsi e siti di interesse per appassionati, sportivi e famiglie, consentendo a loro di trovare nelle nostre montagne l’unico luogo in cui poter soddisfare i diversi
interessi. Il portale inoltre costituisce una straordinaria opportunità per le nostre vallate, per i Comuni montani e per gli Enti Parchi, per aumentare la visibilità delle
proprie peculiarità ed iniziative facilitando la scelta dei cittadini”.

“Questo portale  – aggiunge Vignale – intende essere un ‘sito di servizio’, ovvero un modo per far conoscere le Alpi piemontesi a 360 gradi, attraverso l’interazione, la
partecipazione diretta e la condivisione dei contenuti da parte dei cittadini e delle realtà locali”.

 

L’outdoor – alcuni dati

La volontà di dedicare un portale all’outdoor nasce dalle grande potenzialità di questo settore per l’economia montana regionale. Basti pensare che, secondo una recente indagine
tedesca, l’attività escursionistica in Germania genera un mercato di circa 3,7 miliardi l’anno. Cifra che, tra l’altro, non include gli acquisti locali degli escursionisti.

Dati simili in Italia ad oggi non esistono ma per capire le potenzialità di questo settore basta pensare che solo in Piemonte i soci CAI sono 50 mila, distribuiti in 81 sezioni,
praticanti le varie attività sportive dell’outdoor (sci alpino, trekking, arrampicata, escursionismo, gite con le racchette da neve o altro, etc) .

Facendo un rapido e approssimativo calcolo, ipotizzando un movimento scialpinistico piemontese intorno alle 3.000 persone, l’indotto economico è stimabile in circa 1,5 milioni di euro
(per 25 uscite medie. Gli sciatori alpinisti effettuano da un minimo di 10 a un massimo di 100 escursioni all’anno, con una spesa media intorno ai 20 €. In alcune valli, dove non esistono
impianti di risalita, rappresentano una discreta fonte di guadagno per bar e trattorie vista l’alta propensione al ristoro dopo un’attività così faticosa.

Un discorso analogo è applicabile anche all’escursionismo della montagna estiva.  Da una campagna di interviste, effettuate nell’ambito di una più estesa ricerca Ires,
somministrate ad alcuni gestori di rifugi alpini e dai questionari somministrati ad escursionisti nei medesimi rifugi è emerso come il numero degli escursionisti possa variare
notevolmente a seconda dell’accessibilità al rifugio: se è raggiungibile da strada carrozzabile, il rapporto fra coloro che scelgono il rifugio esclusivamente come meta di
giornata e quanti, invece, come tappa di un percorso più ampio, è di circa 10 a 2; rapporto che cambia nel caso in cui il rifugio si possa raggiungere esclusivamente a piedi,
attraverso un sentiero: a questo punto circa il 60% decide di proseguire oltre.

Naturalmente non tutti i rifugi sono uguali e alcuni, per collocazione e panorama, sono preferiti ad altri: alcuni sono prevalentemente una meta scelta per pranzi o cene e per trascorrere del
tempo libero nella natura ma senza impegno sportivo, mentre altri hanno una vocazione più “alpinistica”  e, pur se frequentati anche per il ristoro, sono visti come un punto
d’appoggio per escursioni, mete per “addetti al settore”.

Nei tre rifugi considerati si stimano complessivamente circa 7.000 presenze di escursionisti nel corso della stagione estiva (95 giorni da aprile a settembre) a fronte di circa 1900/2000
pernottamenti. La maggior parte di questi ultimi (1500) al rifugio Selleries, che rimane aperto tutto l’anno e si distingue dagli altri per un costante programma che abbina il pernottamento a
cene con menù tradizionali ed escursioni guidate nei dintorni alla scoperta della flora e della fauna alpina. Ipotizzando un numero medio di escursionisti pari a circa un migliaio a
stagione, distribuito nei 184 rifugi del Piemonte, si ottiene un movimento escursionistico estivo di circa 200.000 persone che, considerando una spesa media di 25 €, generano un indotto
economico di 5 milioni di euro. Molti degli escursionisti intervistati dichiarano di frequentare assiduamente il Selleries e altri rifugi. Forte è la presenza di famiglie con bambini,
che scelgono l’escursione o il semplice pranzo al rifugio come facile strumento di evasione dalla città, possibilità di trascorrere il tempo libero nella natura e lontano da un
contesto urbano spesso caotico e insalubre.

La passione degli stranieri per il trekking è ben visibile in Val Maira, definita come una delle valli maggiormente spopolata e abbandonata delle Alpi, e dove pur tuttavia, da qualche
anno e in modo apparentemente spontaneo, è andato generandosi un discreto flusso turistico che ha portato conseguenze positive e visibili sul territorio.

Gli escursionisti che scelgono questa Valle sono infatti aumentati del 300% e la valle si è trasformata in un piccolo paradiso per trekker, con una rete di sentieri che si sviluppa per
circa 200 km.

 

Descrizione del portale:

Piemonteoutdoor.it è stato realizzato per crescere ed arricchirsi nel tempo grazie alla condivisione ed interattività dei contenuti, con approfondimenti su temi e autori
specifici.

Il portale è suddiviso in cinque sezioni:

  • Parchi
  • Attività
  • Eventi
  • Interessi 
  • Accoglienza

Il sito prevede una forte fidelizzazione degli utenti/turisti che potranno commentare attività ed eventi contribuendo ad arricchire le informazioni nel portale stesso (modello
“tripadvisor”) e nel canale Facebook che verrà varato insieme al sito.

 

Parchi

La sezione parchi è costituita da una serie di schede descrittive i cui testi e immagini sono forniti e gestiti dal settore competente interno alla Regione Piemonte.

Attività

Le attività, cuore del portale, sono relative alla maggior parte delle discipline sportive praticabili in Piemonte e sono suddivise in:

  • Escursionismo
  • Mountan bike
  • Cicloturismo
  • Turismo equestre
  • Sport d’aria
  • Sport d’acqua
  • Sci da discesa/snowboard/sci nordico

I contenuti relativi alle attività sono costituiti da schede descrittive di itinerari composte da titolo, descrizione, mappa di google geolocalizzata ed immagine/i.

Le schede sono curate da una redazione specializzata.

Ogni scheda dedicata alle attività, così come le altre schede dei diversi contenuti del portale, potrà essere integrabile con i contributi degli utenti attraverso il
sistema dei commenti.

Eventi

Gli eventi riguarderanno informazioni relative a manifestazioni e attività legate al mondo outdoor e saranno gestiti da una redazione regionale istituita appositamente formata da
personale dei settori Montagna e Parchi. In questa sezione, Comuni, Enti di gestione, associazioni e realtà potranno promuovere  eventi ed iniziative locali e una dedicata alle
offerte turistiche.

Interessi

Gli interessi saranno “contenuti accessori” del portale dedicati a tematiche collegate ma non direttamente inerenti le attività di outdoor (es: enogastronomia, turismo culturale, turismo
religioso, benessere e relax).

Accoglienza

L’accoglienza è costituita da informazioni relative a dove mangiare e dove dormire nella regione.

Per le strutture ricettive, le dotazioni e i prezzi sono recuperati dal dato ufficiale presente sul portale Piemonteitalia, mentre i dati inerenti la ristorazione sono stati integrati dai
database delle ATL.

 

Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento