Due pacchetti di sigarette al giorno portano il rischio Alzheimer a più 157%

Due pacchetti di sigarette al giorno portano il rischio Alzheimer a più 157%

Chi fuma due o più pacchetti di sigarette al giorno vede il rischio di Alzheimer a più 157% e quello di demenza vascolare a più 172%.

Questa la lapidaria conclusione di una ricerca del Kaiser Permanente (di Oakland, California, USA), diretta dalla dottoressa Rachel Whitmer e pubblicata su “Archives of Internal Medicine”.

Il team del Kaiser Permanente ha osservato 21.123 volontari: uomini e donne di mezz’età (50-60 anni) e delle diverse etnie residenti sul territorio, tutti controllati per 23 anni. Una
prima fase del lavoro (1978-1985) si è concentrata sulle interviste, mentre la seconda (1994-2008) si è focalizzata sugli esami per scoprire l’eventuale demenza. In questo modo,
si è notato come il 25% del campione manifestasse una qualche forma di demenza e 13 persone l’Alzheimer vera e propria.

Incrociando i dati così ottenuti, gli scienziati hanno registrato come fumare due o più pacchetti di sigarette al giorno portasse la probabilità di Alzheimer più
157%, quello di demenza vascolare a più 172% e  più 114% per la demenza.

Come spiega la dottoressa Whitmer, questi risultati riguardano i forti fumatori. Tuttavia, le “bionde” sono in grado di favorire i disturbi presi in esame anche chi le accende raramente:
semplicemente, il rischio è minore.

In ogni caso, conclude la scienziata, “Questo studio mostra che il cervello non è immune alle conseguenze a lungo termine del fumo pesante. Sappiamo che il fumo compromette il sistema
vascolare influenzando la pressione sanguigna ed elevando i fattori di coagulazione, e sappiamo che la salute vascolare svolge un ruolo nel rischio della malattia di Alzheimer”.

FONTE: Minna Rusanen, Miia Kivipelto, Charles P. Quesenberry, Jufen Zhou, Rachel A. Whitmer, “Heavy Smoking in Midlife and Long-term Risk of Alzheimer Disease and Vascular Dementia”,
Arch Intern Med. Published online October 25, 2010. doi:10.1001/archinternmed.2010.393

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento