Dalla Regione Emilia Romagna 1 milione 350 mila euro per rinnovare gli impianti irrigui aziendali

Bologna – Un milione e 350 mila euro dalla Regione alle Province e alle Comunità montane per finanziare 315 impianti irrigui di nuova generazione che permetteranno, a
parità di superficie irrigata, di risparmiare acqua. I finanziamenti, che movimenteranno risorse per oltre 4,4 milioni di euro, sono stati illustrati oggi a Bologna dall’assessore
regionale all’agricoltura Tiberio Rabboni.

«Siamo dentro a un ciclo siccitoso – ha spiegato l’assessore – i dati dell’inverno 2007-2008 sono stati migliori di quello precedente, ma comunque con temperature di 2 gradi superiori
alle media del periodo e precipitazioni inferiori del 30%. A fine febbraio i valori di acqua nel terreno a contatto con le radici erano significativamente sotto alla media stagionale. In queste
condizioni il risparmio idrico in agricoltura , che da sola assorbe il 66% dell’acqua disponibile, è una via obbligata per continuare a fare agricoltura di qualità ».

I fondi sono destinati alle aziende a prevalente indirizzo orto-floro-frutticolo e saranno utilizzati per cofinanziare l’acquisto di impianti irrigui a maggiore efficienza, con contributi del
30% della spesa ammessa, elevabile al 40% nei territori montani. Dei 315 impianti finanziati, 183 sono a microirrigazione fissi a goccia o a spruzzo, 132 ad aspersione di nuova generazione. In
entrambi i casi si tratta di tecniche ad elevata efficienza che permettono significativi risparmi. «Si tratta di una tappa in un percorso – ha detto Rabboni – che in alcuni anni si
propone di rinnovare la maggior parte degli impianti irrigui per superare l’irrigazione a scorrimento, la più dispersiva , che riguarda ancora il 21% della superficie irrigua
regionale.». Dei 315 impianti finanziati, 96 permetteranno appunto di sostituire impianti a scorrimento.
Nuovi bandi verranno pubblicati dalle Province già nelle prossime settimane in attuazione del nuovo Programma di Sviluppo Rurale e permetteranno, tra l’altro, di cofinanziare diverse
centinaia di nuovi impianti irrigui. Potranno così concorrere al finanziamento anche le aziende agricole escluse in questa occasione.

La sostituzione degli impianti irrigui è solo uno degli interventi per combattere gli sprechi di acqua in agricoltura. Rabboni ha ricordato in particolare i risultati importanti ottenuti
con il sistema di irrigazione guidata Irrinet che l’anno scorso ha permesso di risparmiare 100 milioni di metri cubi di acqua.
Province e Comunità montane provvederanno, entro 30 giorni dall’assegnazione regionale, alla concessione dei contributi ai singoli beneficiari.

Leggi Anche
Scrivi un commento