#DADessoInPoi – Parmalat per le nuove strategie educative ai tempi del covid

#DADessoInPoi – Parmalat per le nuove strategie educative ai tempi del covid

L’emergenza sanitaria in atto ha richiesto una riorganizzazione di tutte le sfere della vita sociale e professionale. L’obbligo di distanziamento interpersonale ha imposto anche al mondo della scuola di mettere in campo misure straordinarie che consentano di proseguire l’attività didattica. Per la prima volta il Paese ha sperimentato la Didattica a Distanza (DAD) e, tra incertezze e difficoltà, i docenti hanno continuato a trasmettere i contenuti delle varie discipline con diverse modalità accomunate dall’obiettivo di mantenere viva la comunità di classe, di scuola e il senso di appartenenza.

Per spiegare meglio la portata di questa trasformazione, le conseguenze che può avere sulle relazioni sociali degli studenti – soprattutto delle fasce di età più giovani o piccole – e fra questi e gli insegnanti, Parmalat organizza un webinar dal titolo “#DADessoinpoi: spunti e riflessioni sulle nuove strategie educative” col supporto di esperti nell’ambito della psicologia, dell’outdoor education e dell’utilizzo degli strumenti tecnologici e digitali nella didattica e nella formazione.

Questa iniziativa si inserisce nell’ambito di un progetto di educazione pluriennale lanciato nel 2008 da Parmalat Educational Division, l’organo con cui Parmalat mette a disposizione la ricerca, l’innovazione e il know-how per aiutare i bambini a crescere in
 
modo sano, con l’aiuto dei genitori e degli insegnanti nelle diverse zone d’Italia in cui l’azienda è presente. Attraverso le tante iniziative dedicate alle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, Parmalat dà l’opportunità ai docenti di sviluppare temi e percorsi legati alla sana alimentazione e al benessere quotidiano e spunti di interazione e divertimento didattico per gli alunni coinvolti.

E anche oggi in cui la didattica è prevalentemente a distanza, Parmalat non vuole far mancare il proprio supporto. Gli stessi studenti si sono espressi in maniera contrastante sulla DAD, se non altro perché diversi sono stati gli aspetti sui quali sono stati sollecitati. Secondo una rilevazione di AlmaDiploma, quasi tutti gli intervistati (93,6%) non hanno ricevuto supporto da parte della scuola per quanto riguarda la disponibilità delle attrezzature informatiche ma il 67,4% di loro sostiene che durante il periodo di DAD i docenti abbiano valutato con equità le prove e i compiti svolti. Venendo alla sfera emotiva, il 73,3% degli studenti ritiene che si sono intensificati i rapporti con i componenti della famiglia o i conviventi tuttavia il 72,1% degli studenti pensa che la preparazione raggiunta attraverso le lezioni a distanza sia inferiore a quella che avrebbero avuto andando a scuola.

Anche per gli insegnanti questo nuovo strumento sollecita la capacità di adattarsi a un cambiamento mai così netto. Con il ritorno della DAD gli edifici scolastici restano aperti anche con pochi o nessun studente in presenza, i maestri dovranno insegnare facendo i conti con un divario digitale che potrebbe causare non pochi problemi all’accesso ai corsi in maniera uniforme da parte di tutti i bambini e anche con la gestione dei propri figli per quanti potranno svolgere la DAD da casa.

Il webinar verrà trasmesso in diretta lunedì 9 novembre alle ore 17.00 e sarà visibile gratuitamente sul canale YouTube di Parmalat e sulla pagina Facebook Fiabe di Latte. Gli esperti chiamati a raccontare le potenzialità di questo nuovo corso dell’educazione saranno Massimiliano Anzivino, psicologo e autore del libro “Costruttori di cerchi, psicologia possibile per una scuola felice”; Paolo Martinelli, Presidente di Archilabò, un collettivo di semiotici, filosofi matematici e psicologi; Fabio Guglielmi, Responsabile di Ecosapiens, associazione attiva nell’educazione alla sostenibilità.

Per approfondimenti: http://educational.parmalat.it/

Leggi Anche
Scrivi un commento