Da Velazquez a Murillo. Il secolo d’oro della pittura spagnola nelle collezioni dell’Ermitage

Da Velazquez a Murillo. Il secolo d’oro della pittura spagnola nelle collezioni dell’Ermitage

Una selezione di circa cinquanta opere dell’importantissima collezione di pittura spagnola dell’Ermitage – storicamente il primo tra i grandi musei d’Europa ad aprire una galleria ad essa
dedicata – sarà esposta dal 9 ottobre 2009 al 17 gennaio 2010 a Pavia, presso il Castello Visconteo, in una sorprendente mostra curata da Ludmila Kagane e Susanna Zatti con la
collaborazione di Svyatoslov Sovvateev, co-promossa dal Comune di Pavia con il Museo Statale Ermitage ed organizzata da Villaggio Globale International (Catalogo Skira).

L’esposizione – la prima mai realizzata all’estero sulle collezioni spagnole dal Museo russo – nasce grazie alla collaborazione scientifica e al protocollo internazionale siglato tra il Comune
Pavia, con i suoi Musei Civici, il Museo Statale Ermitage e la Fondazione Ermitage Italia, e dal legame storico e culturale tra la Lombardia e la Spagna: un legame al quale la città
pavese, insieme alla Università degli Studi di Pavia, ha da sempre posto attenzione
ma che si sta traducendo in una fondamentale relazione internazionale di studio e ricerca con la città e l’Università di Girona in Catalunya.

Il siglo de oro verrà dunque fatto rivivere al Castello di Pavia grazie ad un importantissimo nucleo di opere, in gran parte inedite e mai esposte in Italia,
rappresentative della migliore pittura spagnola del XVI e XVII secolo, tra cui tele di alcuni dei grandi protagonisti della scena artistica internazionale
come Velazquez, Murillo, de Ribera, de Zurbaran e Pereda.

Eccezionali testimonianze dello sviluppo dell’arte figurativa nella penisola iberica e in particolare nei maggiori centri della corte madrilena, di Toledo, di Siviglia e di Valencia, per una
mostra promossa da Comune di Pavia, Associazione Pavia Città Internazionale dei Saperi, Fondazione Banca del Monte di Lombardia e Museo Statale Ermitage, con il patrocinio della Provincia
di Pavia, la collaborazione della Fondazione Ermitage Italia e dell’Università di Pavia e il sostegno, come main sponsor, della Banca Popolare di Lodi: dal realismo rinascimentale –
influenzato della pittura fiamminga e da quella veneziana – al grande trionfo barocco, assolutamente originale per ricchezza espressiva e tecnica sopraffina, apportatore di un’eredità
luminosa per tutta la pittura seicentesca del vecchio e nuovo mondo.

Leggi Anche
Scrivi un commento