“Da uomo a uomo”: le ricette da single dello chef Coppola

“Da uomo a uomo”: le ricette da single dello chef Coppola

Una tavola vuota dopo una lunga giornata di lavoro. Un piatto solo e triste, con l’ennesimo surgelato scongelato o la scatoletta di tonno, mangiata proprio per fermare la fame.

Una volta,questi stereotipi sulla cucina del single erano realtà. Ora, si possono cacciare nel passato remoto, imparando a cucinare in maniera valida e divertente. Questa la promessa di
“Da Uomo ad Uomo”, scritto da Marco Coppola ed edito da Malvarosa.

Nonostante la giovane età 35 anni, Coppola è chef per mestiere, in quanto cuoco di un ristorante romano. Ma, più di tutto, è chef per passione, che condivide con i
membri della famiglia, tutti impiegati nel mondo della ristorazione. Il motto della sua vita è “Cucinare è vita”, che diventa anche base del libro. Il titolo, poi, dice tutto:
è scritto da un uomo per altri uomini, di cui conosce limiti e necessità.

Allora, si parte dall’inizio: Coppola spiega come trasformare la spesa da un momento di tristezza e sconforto a tempo di felicità e gratificazione, dove si sceglie la materia prima
migliore per il passo successivo. E se la varietà è importante, principi come rispetto delle stagioni, semplicità ed essenzialità del piatto.

Questo viene poi differenziato in base alle situazione: una cena informale tra amici, un incontro galante e piccante, una visita dei familiari.

Più in generale, lo chef Coppola propone una cucina mediterranea modificata, dove la tradizione ha un ruolo importante ma viene influenzata dalla tecniche apprese in giro per il mondo.
In ogni singolo piatto, la ricetta-base viene realizzata tenendo conto di sapore, caratteristiche degli ingredienti e loro complementarietà. Infine, piccola curiosità: buona parte
delle ricette si basano sulla cottura al “coccio”, sistema una volta usato ed oggi riscoperto dallo chef di Salerno.

Marco Coppola, “Da uomo a uomo. Confidenze tra uomini ai fornelli”, Malvarosa 2011, 250 pp., 26 Euro.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento