Crisi: Coldiretti, le idee rosa, da baby parking a vivaio farfalle

Crisi: Coldiretti, le idee rosa, da baby parking a vivaio farfalle

Dal baby parking all’allevamento di farfalle fino all’agrinido con mensa country sono alcune delle iniziative innovative avviate in agricoltura per battere la crisi dalle donne imprenditrici
della Coldiretti, che hanno ricevuto premi ed encomi a livello nazionale e comunitario. Lo rende noto la Coldiretti in occasione della celebrazioni per la Giornata Mondiale della donna rurale
con la consegna del Premio De@terra 2009 da parte dell’Osservatorio per l’imprenditoria femminile in agricoltura istituito presso il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.

Alle tre imprenditrici che hanno ricevuto il premio e alle altre due che sono state encomiate a livello nazionale dal Ministro, si aggiunge il successo per la menzione ricevuta da un’altra
imprenditrice della Coldiretti in Europa nell’ambito del premio dal Comitato delle Organizzazioni Agricole Europee (Copa), per il primo Polo Zooantropologico didattico e assistenziale chiamato
“Oltreallacittà” che si trova a Udine e riunisce in un unico centro un agriasilo e vari servizi all’infanzia dal baby parking ai laboratori didattici fino alla pet therapy. Francesca
Ballali ha avviato un esclusivo metodo con una forte valenza terapeutica nell’educazione e nei servizi che si fonda sull’affiancamento alla natura e sulla relazione con gli animali. Il servizio
baby parking è attivo tutto l’anno con una permanenza dei bambini in struttura che non supera la dodici ore giornaliere e durante la quale si svolge una attività pedagogica e
didattica in una sorta di “palestra verde” a cielo aperto.

Il Premio De@terra è stato consegnato all’Azienda agricola agrinido Fattoria Casa Mia di Alberini Marcella che ha sede a Pescantina (Verona) che con il nuovo anno scolastico ha
inaugurato l’agrinido con la prima mensa con menu “country ” dove ai bambini con meno di tre anni verrà offerto un menu’ bilanciato “a km 0”, ossia un menù specifico per i piccoli
ospiti del nido che rispetti in pieno i principi legati alla stagionalità, al territorio e alle tipicità locali. In questa struttura all’avanguardia – sottolinea la Coldiretti –
anche i genitori sono invitati a partecipare a vari corsi di formazione per l’uso quotidiano delle produzioni enogastronomiche regionali e soprattutto sono coinvolti nella preparazione di
ricette casalinghe che protraggono l’effetto della mensa dell’agrinido. Inoltre, per sostenere l’attenzione alla stagionalità la scuola organizza ogni mese un concorso per bambini
chiamato “prodotto promosso” per sviluppare le conoscenze alimentari già in tenera età.

Un encomio nel Premio De@terra è stato invece ricevuto da Donatela Di Cola che conduce una azienda agricola a Paliano (Frosinone) dove alleva in modo naturale farfalle e lombrichi, il
cui sbocco di commercializzazione è il mercato ittico, e un allevamento di altri animali insettivori. Il ciclo biologico naturale è completo in quanto parte dall’alimento (miele o
cera di api), viene metabolizzato, il residuo viene somministrato nelle lettiere dove sono ubicati migliaia di lombrichi che mangiano questi residui restituendo un humus idoneo a fertilizzare
terreni adatti alle più svariate colture (ortaggi, piante da frutta, fiori e piante da travaso). E’ in progetto – spiega la Coldiretti – un impianto nuovo a scopo didattico con una casa
delle farfalle e uno zoo annesso dove poter mostrare ai visitatori gli splendidi animali della zona e le piante di varie specie di antica tipologia, oltre ad illustrare loro da vicino la storia
del nostro allevamento.

Ha vinto il Premio De@terra 2009 anche Francesca Tonnino, 25 anni laureata che conduce l’azienda vitivinicola Tonnino ad Alcamo (Trapani) nella Valle del Belice, su un territorio che comprende
i comuni di Salaparuta e Poggioreale, dove ha via via trasformato l’antica attività di produzione di uve da mosto, avviata dal nonno Paolo, per realizzare una azienda moderna e dinamica
che rispecchia i canoni della cosiddetta “filiera corta”, migliorando sia la materia prima che il prodotto finito: 8 bottiglie su dieci sono esportate all’estero in Asia e negli Stati Uniti.

Premiata anche l’azienda agricola Bertin Doriana che ha sede nell’area montana del Pordenonese e nasce nel 1980 non per una continuità generazionale, bensì per una pura passione
della titolare per l’allevamento di animali. Attualmente nell’azienda sono allevati animali da cortile (anatre, oche, faraone, tacchini e galline)  e circa 300 suini tra cui il
“cinghialato” un incrocio tra una fattrice di cinghiale di razza toscana e un suino. L’azienda possiede un macello per la lavorazione delle carni ed un laboratorio per la lavorazione dei
vari prodotti quali salumi, marmellate sottaceti ed altre specialità, con la possibilità di affumicatura. Doriana gestisce anche 2 agriturismi.

Un encomio è andato infine – conclude la Coldiretti – all’azienda agricola di Conversano (Bari) condotta da Anna Salzo che nel 2002 ha esteso la propria attività dalla
coltivazione alla trasformazione dei prodotti agricoli con il marchio “Sapori di Casa” per conserve e sughi pronti realizzati con materie prime esclusivamente locali e lavorati a mano con le
tecniche tradizionali, tramandate di padre in figlio.

LE IMPRENDITRICI ROSA PREMIATE

Premio De@terra 2009

Marcella Alberini – Azienda agricola agrinido Fattoria Casa Mia, Pescantina (Verona)

Nella sua Fattoria Casa Mia, a Pescantina,  Marcella Alberini ha realizzato un agrinido, un asilo nido che da quest’anno ha attivato la prima mensa con menu “country ” dove ai bambini con
meno di tre anni verrà offerto un menu bilanciato “a km 0” ossia un menù specifico per i piccoli ospiti che rispetta in pieno i principi legati alla stagionalità, al
territorio e alle tipicità locali. Tutti i prodotti vengono reperiti direttamente in azienda o nei campi limitrofi. In questa struttura all’avanguardia anche i genitori – rileva la
Coldiretti – sono invitati a partecipare a vari corsi di formazione per l’uso quotidiano delle produzioni enogastronomiche regionali e soprattutto sono coinvolti nella preparazione di ricette
casalinghe che protraggono l’effetto della mensa dell’agrinido.

Francesca Tonnino – Azienda vitivinicola Tonnino, Alcamo (Trapani)

Francesca Tonnino, 25 anni, conduce un’azienda vitivinicola che si estende per settanta ettari nella Valle del Belice e che punta su innovazione e filiera corta come armi per affermarsi sui
mercati internazionali. Circa l’80% della produzione, che consiste in quattro varietà di vino (sirah, nero d’avola, grillo, pinot grigio), è esportata all’estero, con circa
110mila bottiglie che ogni anno finiscono nei migliori negozi e ristoranti di Stati Uniti e paesi asiatici. E per il 2010 si prevede di aumentare la produzione del 20 per cento. Grande
attenzione anche all’innovazione tecnologica, con la meccanizzazione di gran parte dei processi produttivi.

Doriana Bertin – Azienda agricola Bertin Doriana, Travesio (Pordenone)

Doriana Bertin ha un allevamento con produzione di salumi ed altre specialità a Travesio, tra i monti della provincia di Pordenone. Nei sedici ettari di azienda sono allevati anatre,
oche, faraone, tacchini e galline e il “cinghialato”, un tipo particolare di suino dal quale produce vari tipi di salumi, anche affumicati. Un ottimo esempio di filiera corta, che – sostiene la
Coldiretti – vede anche la preparazione di marmellate, sottaceti e altre specialità ottenute dalla trasformazione delle produzioni aziendali. Doriana gestisce anche due agriturismi
realizzati recuperando una vecchia stalla e una latteria.

Encomi De@terra 2009

Donatella Di Cola – Azienda agricola Di Cola Donatella, Paliano (Frosinone)

Donatella Di Cola conduce una azienda agricola a Paliano (Frosinone) dove alleva in modo naturale farfalle e lombrichi e altri tipi di animali insettivori. Lo sbocco di commercializzazione
è il mercato ittico. All’interno dell’allevamento il ciclo biologico naturale è completo in quanto parte dall’alimento (miele o cera di api) viene metabolizzato, mentre il residuo
viene somministrato nelle lettiere dove viene mangiato dai lombrichi che lo trasformano in humus adatto a fertilizzare terreni idonei alle più svariate colture (ortaggi, piante da
frutta, fiori e piante da travaso). E’ ora in progetto – riferisce la Coldiretti – un impianto nuovo a scopo didattico con una casa delle farfalle ed uno zoo annesso dove poter mostrare ai
visitatori gli splendidi animali della zona e le piante di varie specie di antica tipologia, oltre ad illustrare loro da vicino la storia del nostro allevamento.

Anna Salzo – Azienda agricola Salzo Anna, Conversano (Bari)

Anna Salzo gestisce un’azienda agricola a Conversano, nella provincia di Bari, dove produce e trasforma ciliegie, olive e ortaggi. Proprio utilizzando la frutta e verdura che coltiva
l’imprenditrice pugliese ha lanciato una linea di prodotti denominata “Sapori di Casa”, che vanno dai sottolio alle confetture, dal paté alla frutta sciroppata, fino alla passata e ai
sughi pronti. I prodotti vengono lavorati a mano con le tecniche tradizionali, tramandate di padre in figlio. La clientela, inizialmente concentrata sul territorio pugliese,  man mano si
è estesa su tutto il territorio nazionale ed estero. I prodotti di Sapori di Casa sono acquistabili presso i Mercati di Campagna Amica della Coldiretti di Bari.

Premio del Comitato delle organizzazioni agricole europee (Copa)

Francesca Balalli – Polo Zooantropologico didattico e assistenziale Oltreallacittà, Udine

Francesca Balalli ha lanciato un servizio di baby parking, un progetto educativo che si fonda sull’avvicinamento dei bambini alla natura e al mondo agricolo e sulla relazione con gli animali,
utilizzando il Polo Zooantropologico didattico e assistenziale Oltreallacittà, a Udine. Il servizio – rileva la Coldiretti – è attivo tutto l’anno con una permanenza dei bambini in
struttura che non supera le dodici ore giornaliere e durante la quale si svolge una attività pedagogica e didattica in una sorta di “palestra verde” a cielo aperto.

Leggi Anche
Scrivi un commento