Continua il maltempo e cresce l'allarme per i danni all'agricoltura

Torino – Mentre nelle aree più colpite del Cuneese e del Torinese proseguono i sopralluoghi da parte dei tecnici dell’Assessorato regionale all’Agricoltura per accertare i danni
provocati dalle piogge torrenziali dei giorni scorsi a infrastrutture irrigue e coltivazioni, una nuova ondata di maltempo ha investito il Piemonte sud-occidentale, destando ulteriore allarme
per le coltivazioni in campo, che necessiterebbero di immediati trattamenti fitosanitari resi, invece, impossibili dalle condizioni del terreno e del tempo.

Intanto, la Regione Piemonte ha chiesto al Ministero delle Politiche agricole di accordare una proroga alle semine che non si sono potute concludere entro il 31 maggio, termine previsto dalla
normativa comunitaria per la concessione dei premi Pac. Inoltre, constatato che i danni non sono attribuibili a semplice «eccesso di pioggia», casistica sottoposta ad assicurazione,
ma a vere e proprie «piogge alluvionali», che hanno determinato allagamento di campi e perdita di raccolti a causa degli straripamenti, la Regione ha anche chiesto al Ministero di
poter accedere a un prelievo straordinario sul Fondo di solidarietà nazionale, al fine di poter effettuare gli interventi più urgenti per il ripristino delle opere irrigue
danneggiate.

Leggi Anche
Scrivi un commento