Consorzio Valtènesi, nuovo cda

Consorzio Valtènesi, nuovo cda

“Il varo della nuova denominazione Valtènesi ci ha consentito di centrare il più importante obbiettivo del nostro mandato: quello di riannodare il filo dell’odierna produzione
vitivinicola del comprensorio del Garda Classico e Bresciano con la sua più antica ed autentica tradizione”. Questo il messaggio lanciato dal presidente Sante Bonomo ai soci del
Consorzio Valtènesi, riuniti in assemblea mercoledì 26 nella nuova sede di Puegnago, per il rinnovo del consiglio di amministrazione.

L’alta partecipazione dei soci ha consentito di esprimere un mandato forte per il nuovo Cda, nel segno di un rafforzamento della linea espressa dal presidente Bonomo e dai consiglieri uscenti,
in gran parte riconfermati con un livello di consensi superiore a quello della precedente tornata.

Non mancano tuttavia i nuovi innesti che dimostrano anche una volontà di rinnovamento e di impegno diretto da parte dei soci. Il nuovo cda risulta composto da Francesco Averoldi, Paolo
Cottini, Antonio Lorenzi, Alessandro Luzzago, Lucia Zuliani per la categoria viticoltori, Fabio Contato, Cristina Inganni, Maurizio Pasini, Alessandro Redaelli De Zinis e Dario Turina per la
categoria vinificatori, Sante Bonomo, Luca Formentini, Paolo Pasini, Stefano Pietta e Mattia Vezzola per la categoria imbottigliatori. La prima riunione è prevista per mercoledì
prossimo, 3 luglio, per l’elezione del nuovo presidente e dei vice.

Nel corso della sua relazione, il presidente Bonomo ha ringraziato i consiglieri, le amministrazioni comunali e tutti gli enti territoriali per aver consentito l’esperienza di impegnativi ma
gratificanti mandati nei quali sono state gettate le radici per un radicale riposizionamento della vitivinicoltura della zona. E’ stato inoltre approvato all’unanimità il bilancio, che
ha movimentato oltre 350 mila euro in attività promozionali sia sul territorio che a livello internazionale.

Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento