Confluite in Federlazio tutte le rappresentanze della Sanità

Roma – Oggi è nata una nuova categoria all’interno della Federlazio denominata Federlazio Salute, che raccoglie le imprese operanti nel settore della Salute e
dell’Assistenza Sanitaria sia in regime privato che in regime di accreditamento.

La nuova categoria è stata presentata stamattina nel corso di una conferenza stampa svoltasi presso il Polo Didattico a Roma.

La categoria è composta da circa 40 strutture (per complessivi 4.000 posti letto e 3.500 dipendenti), che includono realtà
importanti come il Gruppo Garofalo, uno dei principali gruppi sanitari privati italiani e primo nel Lazio per numero di posti letto assistenziali, la Rome American Hospital,
struttura del gruppo Health Care Italia, gruppo privato a carattere nazionale presente nel campo dei ricoveri e delle prestazioni ambulatoriali, oltre a realtà di prestigio e di
lunga tradizione attive nel campo della riabilitazione, come lo storico istituto Villa Sandra e la casa di cura Villa Fulvia. La categoria accoglie anche strutture
neuropsichiatriche e di lungodegenza, nonchè importanti R.S.A. presenti a Roma e nelle province di Latina e Frosinone.

«Nell’AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata) non ci sentivamo sufficientemente rappresentati – dichiara l’Avv. Maria Laura Garofalo, rappresentante
dell’omonimo gruppo – e, quindi, abbiamo deciso di entrare nella Federlazio, perché questa associazione ha maturato una grande esperienza nel campo della rappresentanza imprenditoriale
dimostrando, peraltro, una notevole capacità di dialogo con la Regione, all’insegna della trasparenza e della correttezza dei rapporti». «Non vogliamo più trovarci –
prosegue l’Avv. Garofalo – di fronte a provvedimenti emanati dalla Regione senza un processo concertativo. Capacità di ascolto, concertazione sistematica e trasparenza degli atti
amministrativi dovranno essere i capisaldi sui quali fondare la nostra azione. In questo sforzo potremo contare da un lato sul supporto di un centro studi altamente qualificato, e dall’altro
sull’esperienza e la competenza di Raniero Benedetto, che nel suo curriculum vanta tra i numerosi incarichi anche un’esperienza di Assessore Regionale alla
Sanità, al quale abbiamo voluto affidare la presidenza della nuova categoria».

«Abbiamo accolto con favore l’ingresso di queste strutture nella nostra Associazione – ha dichiarato dal canto suo il Presidente della Federlazio Massimo Tabacchiera
poiché riteniamo quello sanitario uno dei settori strategici dell’economia regionale, in considerazione del fatto che, sul piano economico, rappresenta circa l’80% del bilancio
regionale
e, sul piano sociale, investe un ambito tra i più delicati, come quello della salute dei cittadini». «Peraltro – prosegue Tabacchiera – la spesa sanitaria
genera un indotto formidabile per la nostra economia, sul quale convergono gli interessi di molti altri comparti da noi rappresentati.» «Oggi – conclude il Presidente della
Federlazio – possiamo dire di aver chiuso idealmente il cerchio della rappresentanza del settore sanitario all’interno della Federlazio. La presenza delle strutture assistenziali
di ricovero si pone infatti accanto al gruppo dei laboratori di analisi, fisiokinesiterapia e medicina specialistica ambulatoriale accreditati, alle residenze psichiatriche e alle imprese che
producono protesi e ausili ortopedici».

Leggi Anche
Scrivi un commento