Confermata dall’Istat l’inflazione ad ottobre +0,3%

Confermata dall’Istat l’inflazione ad ottobre +0,3%

L’Istat conferma la stima preliminare: l’inflazione, ad ottobre, è tornata a crescere dello 0,3% su base annua e dello 0,1%  su base mensile.

Confermata anche la crescita su base mensile dei prezzi degli alimentari, 0,1%, mentre viene ritoccata al ribasso la previsione su base annua, con il tasso tendenziale che scende dallo
0,7%  della stima preliminare allo 0,6%. In ogni caso le famiglie italiane avranno comunque una stangata e per mangiare spenderanno, a fine 2009, 328 euro in più rispetto al 2008.

Per il Codacons si tratta di un dato preoccupante, dato che l’inflazione è salita nonostante siano diminuite le voci Trasporti e Abitazione, energia e combustibili che solitamente fanno
da traino all’inflazione. In particolare sono calati i prezzi dei carburanti (benzina verde – 2,7%, gasolio per autotrazione – 2%…). Ci si domanda, quindi, cosa succederà a fronte di
una nuova e sempre in agguato impennata dei prezzi energetici.

Il Codacons chiede i saldi prima di Natale. Si tratta di una misura che ha molteplici effetti positivi: contrastare la crisi, ridurre l’inflazione, rilanciare i consumi e combattere la chiusura
dei negozi (secondo gli ultimi dati della Confcommercio oltre 50 mila esercizi al dettaglio hanno già chiuso nei primi 9 mesi del 2009 e a fine anno si prevede un saldo negativo tra
aperture e chiusure di circa 20 mila unità).

Se non vogliamo avere un Natale in bianco, l’unica soluzione a costo zero è anticipare i saldi a dicembre, prima del periodo natalizio.

Leggi Anche
Scrivi un commento