Confagricoltura: è giunta l’ora del marchio “Sicilia”

Confagricoltura: è giunta l’ora del marchio “Sicilia”

“La recente polemica innescata dalla trasmissione televisiva Striscia la Notizia, andata in onda con la puntata “Tarocchi taroccati”, dimostra quanto sia dannosa per i produttori agrumicoli la
divisione e l’affermazione campanilistica che una varietà d’agrume prodotta prevalentemente in una delle province siciliane sia migliore di un’altra prodotta in un’altra delle province
della stessa isola”. E’ quanto afferma il presidente di Confagricoltura Sicilia, Gerardo Diana.

L’Organizzazione degli imprenditori agricoli ricorda che dalla provincia in cui si producono le arance pigmentate migliori del mondo, Tarocco, Moro e Sanguinello, provengono anche arance bionde
di ottima qualità, quali ad esempio Navelina, Valencia, Ovali e Washington.

Analogamente nel versante della Sicilia occidentale si produce una varietà di Navel, universalmente nota ed apprezzata col nome di arancia di Ribera, anch’essa, come il Tarocco, unica al
mondo. Non va dimenticato, inoltre, che la richiesta del mercato si evolve e si differenzia molto rapidamente per cui le produzioni agrumicole debbono adeguarsi in termini varietali con
altrettanta rapidità.

Per il presidente di Confagricoltura Sicilia, il reale valore della produzione agrumicola siciliana risiede nelle condizioni ambientali, uniche e irripetibili, dell’isola, posta al centro del
Mediterraneo. L’unicità delle produzioni agricole siciliane è il risultato non solo delle condizioni ambientali ma anche del contesto storico-culturale in cui esse vengono
realizzate.

“Questa considerazione – conclude Diana – dovrebbe finalmente farci capire che è venuto il momento, di perseguire un obiettivo comune è quello di avere il marchio Sicilia a tutela
di tutti i prodotti agricoli siciliani, che identifichi in maniera semplice, efficace e inequivocabile il luogo d’origine e richiami in modo diretto per il consumatore le caratteristiche
ambientali e i valori culturali, che costituiscono il patrimonio esclusivo dell’Isola”.

Il marchio “Sicilia” attraverso i prodotti agricoli diventerebbe così il veicolo, l’ambasciatore dell’Isola nel resto d’Italia e nel mondo!

Leggi Anche
Scrivi un commento