Colon irritabile, la menta piperita riduce il dolore

Colon irritabile, la menta piperita riduce il dolore

La menta piperita agisce contro il colon irritabile, riducendo il dolore e migliorando la qualità della vita.

La tesi è di una ricerca dell’Università di Adelaide (sezione Nerve-Gut Research Lab), diretta dal dottor Stuart Brierley e pubblicata su “Pain”.

Gli scienziati si sono messi all’opera con un obiettivo preciso: combattere la sindrome del colon irritabile. Tale disturbo (detto anche colite spastica) interessa il 25% della popolazione e si
concretizza tramite diarrea, stitichezza, gonfiore e frequenti dolori addominali. Attualmente, le terapie si basano su farmaci (pochi) e consigli su uno stile di vita che escluda gli elementi a
rischio.

Così, gli esperti hanno tentato di fare un passo avanti con i sistemi di cura veri e propri. Durante le indagini, essi si sono imbattuti in consigli di medicina popolare, che
prescrivevano menta piperita contro il disturbo in questione.

Per convalidare tale affermazione, il team di Adelaide ha svolto successivamente analisi chimiche e di laboratorio. Tale lavoro ha concluso come la menta piperita possa svolgere una funzione
lenitiva per il dolore infiammatorio nel colon.

Gli addetti ai lavori spiegano come il dolore al colon sia causato anche da eccesso di cibi grassi, alcol e caffè, o da precedenti malattie. In ogni caso, le fibre nervose della parete
intestinale rimangono in uno stato alterato, che le modifica (peggiorandole), provocando sofferenze frequenti.

Qui agisce la menta piperita: come spiega il dottor Brierley, questa “Attraverso un canale specifico antidolore chiamato TRPM8, riduce le fibre di rilevamento del dolore, in particolare quelle
attivate da senape e peperoncino. Questo è potenzialmente il primo passo per stabilire un nuovo tipo di trattamento clinico generale per la sindrome dell’intestino irritabile (IBS)”.

Nonostante si rendano necessari studi ulteriori, fin da adesso Brierley e colleghi sono fiduciosi nel ruolo della menta piperita come alternativa “verde” ai farmaci convenzionali.

FONTE: Andrea M. Harrington, Patrick A. Hughes, Christopher M. Martin, Jing Yang, Joel Castro, Nicole J. Isaacs, L. Ashley Blackshaw, Stuart M. Brierley, “A novel role for TRPM8 in
visceral afferent function”, Pain 13 April 2011, doi:10.1016/j.pain.2011.01.027

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento