Coldiretti: In aumento i furti nei supermercati

Coldiretti: In aumento i furti nei supermercati

Con la crisi si registra una crescita record del 7,8 per cento dei furti nei supermercati che superano il valore di 3 miliardi in Italia, il piu’ elevato
da quando è iniziata la rilevazione cinque anni fa. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti su dati “Barometro dei furti nella vendita al dettaglio” del Centre for Retail Research
nei paesi europei, aggiornata al giugno 2011.

I furti nei supermercati raggiungono il massimo storico con una media di oltre 150 euro per famiglia all’anno, pari al 1,39 per cento del totale delle vendite al dettaglio. Nella lista dei
prodotti che scompaiono piu’ facilmente dagli scaffali dei supermercati sono – riferisce la Coldiretti – i prodotti per la barba, accessori per l’abbigliamento, formaggi, giacche e cappotti,
carne e profumi. Si tratta di referenze piu’ facili da nascondere in borse, borsette o nelle tasche, ma che possono anche essere comodamente indossate sperando di farla franca.

In Italia sono presi particolarmente di mira le specialità alimentari come il Parmigiano Reggiano e il Grana Padano che attirano i “topi” di supermercato, ma anche i salumi di
qualità ed i vini o i liquori. Sono peraltro – continua la Coldiretti – i formati già porzionati o confezionate di dimensioni ridotte quelli piu’ apprezzati e crescono anche i
furti dei preaffettati e dei pregrattugiati. Va però segnalato che i ladri del supermercato disdegnano le imitazioni di basso prezzo dei due grandi formaggi nazionali che si sono
moltiplicate sugli scaffali dei supermercati negli ultimi anni.

L’ordine delle preferenze dei “marioli” del supermercato, che tendono a premiare la qualità alimentare, i prodotti piu’ alla moda ed anche le piu’ moderne tecnologie, sembra dimostrare
che molto spesso non si tratta di furti determinati dalla necessità. Peraltro se dall’analisi – conclude la Coldiretti – emerge che per poco meno della metà dei casi (47,7 per
cento) le scomparse sono da imputare a clienti esterni, ma una parte rilevante è da imputare anche a dipendenti “infedeli” ad errori amministrativi interni e a fornitori.

D’altro canto il furto nei supermercati trova molti adepti dal momento che – segnala la Coldiretti – la maggior parte dei prodotti esposti non è protetta (molto spesso soltanto le
bottiglie di vini e spumanti di maggior pregio ad avere una caspula antifurto simile a quella dei capi di abbigliamento nei grandi magazzini) e i commercianti europei stanno sempre più
rivolgendo la loro attenzione allo sviluppo di nuove tecnologie per la sicurezza delle merci, come i sistemi di protezione alla fonte in radio frequenza.

Una attività – quella dei furti nei supermercati – che sembra attirare sempre più anche la delinquenza organizzata – conclude la Coldiretti – al punto che recentemente è
stata smascherata un’organizzazione criminale ben strutturata che nel Milanese utilizzava adolescenti, prelevati da un orfanotrofio in Romania, per agire illegalmente in numerosi supermercati
di una nota catena.

I PRODOTTI PIU’ PRESI DI MIRA SUGLI SCAFFALI

1) Prodotti per la barba
2) Accessori per abbigliamento
3) Formaggi
4) Giacche, impermeabili e cappotti
5) Carne
6) Profumi

Fonte: Elaborazioni Coldiretti su dati “Barometro dei furti nella vendita al dettaglio”

www.coldiretti.it

Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento