Class action contro Trenitalia se taglierà il 15% dei treni per i pendolari

La Federconsumatori, insieme alle Associazioni dei Pendolari di tutta Italia, ha annunciato una class action contro Ttreinitalia, ove ci fosse una riduzione dei treni del 15%, a causa di un
mancato trasferimento di fondi dal Governo alle Regioni per il rinnovo dei contratti di servizio con le Regioni.

L’Amministratore Delegato Moretti ci invita a fare la class action contro Il Governo e non verso Trenitalia, che non avrebbe responsabilità sul taglio dei treni.
Ricordiamo all’Ingegner Moretti: primo, che le responsabilità di Trenitalia sono enormi riguardo a puntualità, igiene e climatizzazione dei treni, secondo, sarebbe ora di finirla
con lo scarica barile tra Ferrovie e Governo. Sottolineiamo infatti che il Governo, attraverso il Ministero del Tesoro, detiene il 100% dell’azienda Ferrovie, che, a sua volta, è divisa
in Trenitalia e RFI.

Noi crediamo che l’Amministratore Delegato abbia accettato il suo incarico nelle Ferrovie per incrementare e migliorare il servizio pubblico e crediamo che ne abbia le capacità, ma se
invece fosse disponibile ad accettare un ridimensionamento quantitativo e qualitativo del trasporto ferroviario, allora sarebbe meglio che se ne assumesse la responsabilità fino in fondo
e lasciasse, senza pretendere una liquidazione milionaria, il suo posto a qualcun altro.

Leggi Anche
Scrivi un commento