Cina, pericolo formaldeide per i cavoli

Cina, pericolo formaldeide per i cavoli

La Cina è colpita da un nuovo allarme sulla sicurezza alimentare, legato a possibili verdure contaminate da formaldeide. Tutto è nato da voci via Internet, poi verificate e
riportate da organi di stampa come “The China Post”.

In base alle notizie, la formaldeide sarebbe presente sui cavoli cinesi coltivati nello Shangdong, sorta di motore della produzione agricola del Paese.

Ad usarla, gli agricoltori locali, che secondo alcuni testimoni la impiegherebbero per rendere le verdure fresche e capaci di resistere al tragitto verso mercati lontani. Come spiegano i
giornalisti, l’uso della formaldeide sulle verdure è una pratica giuridicamente illegale ma in pratica tollerata da polizia ed autorità.

Tuttavia, il risalto dato alla vicenda ha modificato la situazione: così, la polizia di Qingzhou ha aperto un’inchiesta ufficiale , mentre i politici locali hanno iniziato controlli a
tappeto nei mercati e promettono sistemi di sicurezza più efficaci.

Tali misure non hanno però convinto, con alcuni internauti pronti ad evidenziare le carenze legislative. Le norme cinesi che disciplinano la sicurezza alimentare dei prodotti agricoli
stabiliscono come l’utilizzo dei conservanti debba “Essere conforme ai relativi standard tecnici statali”, ma non definisce né i conservanti leciti né le quantità
accettabili d’utilizzo.

FONTE: “Formaldehyde-tainted cabbage scandal sparks alarm in China”, The China Post, 8/05/012

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento