Chef Fabio Rossi e “Gente di Mare”, quando la Valmarecchia finisce a Cattolica

Chef Fabio Rossi e “Gente di Mare”, quando la Valmarecchia finisce a Cattolica

La Valmarecchia e i suoi straordinari prodotti agroalimentari, formaggi, carni, salumi, miele, zafferano, incontrano il mare di Cattolica. Protagonista di un matrimonio sorprendente tra i due luoghi centrali della Romagna, spiaggia e collina, è lo chef Fabio Rossi del ristorante “Gente di Mare” di Cattolica.

Si scopre nell’ultimo numero della rubrica di RaiNews, “Sorsi e Morsi”. Il settimanale dedicato alla terra, ai suoi prodotti e a quanto di meglio offre per le nostre tavole. Uno dei suoi inviati, Samuele Amadori, ha attraversato la Valmarecchia e chiesto a tre grandi chef del territorio, di raccontare con una loro ricetta il legame tra tavola e Territorio.

Fabio Rossi, il primo cuoco a portare nel 1991 la stella Michelin sul mare di Rimini, il compito di interpretare in unico piatto terra e mare. Lo ha fatto cucinando una sarda ripiena al formaggio vaccino della Valmarecchia, stagionato nelle vinacce di sangiovese biodinamico della tenuta Mara, poggiata su insalatina di sedano rapa e mela verde. “La sarda è un pesce di carne grasse saporita che si accompagna perfettamente con i formaggi di un grande affinatore come Marco Celli di Novafeltria e il piatto si completa ottimante con un altro grande prodotto ultra locale il Sangiovese, un vino rosso ottimo per accompagnare alcuni tipi di pesce”, spiega Fabio Rossi.

“Del resto nel menù autunnale, tra pochi giorni è in arrivo quello invernale – sottolinea il patron del “Gente di Mare”, Giacomo Badioli – diamo spazio non solo a quanto ci offre l’Adriatico ma anche a ricette di terra. Perfette per questa stagione”. Una per tutte l’agnello del Montefeltro, sempre della Valmarecchia, in due cotture con porro e carote alla brace, finferli e salsa alla nocciola.

E per trovare il vino migliore per accompagnare queste portate al “Gente di Mare” ci si affida alla competenza del sommelier e restaurant manager, Alessandro Bergnesi, regista di una carta dei vini con più di trecento etichette: “Per completare i sapori a Km0 dell’agnello, consiglierei un paio di ‘sconfinamenti’ interessanti. Il primo è un Nebiolo piemontese il “Roche d’Ampsej” di Matteo Coreggia. Il secondo ci porta fino nel cuore della Borgogna con il Pinot Noir, un Gevrey – Chambertin, di Lignier Michelot”.

E in “Sorsi e Morsi”, a raccontare i prodotti del bosco, cacciagione e carni della Valmarecchia, sono stati invece due altri chef: gli stellatiRiccardo Agostini e Lugi Sartini, rispettivamente del “Piastrino” di Pennabili e del “Ristorante Righi” di San Marino. Davanti alle telecamere di RaiNews hanno rispettivamente cucinato pappardelle ripiene al cinghiale con funghi pioppini, finferli e porcini e una tartare di manzo della Valmarecchia con spuma di formaggio di fossa, acciuga e insalatina di campo.

La puntata di “Sorsi e morsi” è andata è in onda da giovedì 2 dicembre su Rainews24. In palinsesto anche domani, domenica 5, alle 17.45 e lunedì 6 alle 2.45.

Guarda la trasmissione: https://www.rainews.it/dl/rainews/media/Sorsi-e-Morsi-borghi-97fc591b-b2eb-4635-948b-835824c5a960.html 

Leggi Anche
Scrivi un commento