Centro ricerca per zootecnia e Università del vino

Verona – «Un Polo agroalimentare per la ricerca e l’innovazione nel settore zootecnico e lattiero caseario e una vera e propria Università europea del vino: due strutture
che saranno parte integrante del sistema Milano che, grazie alla qualità e alla credibilità del suo progetto, si è aggiudicato con merito l’organizzazione dell’Expo
2015».

Viviana Beccalossi, vice presidente e assessore all’Agricoltura della Regione Lombardia, e Roberto Albetti, presidente di ERSAF (Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste),
partecipando al Vinitaly, ricordano così come la realizzazione (ormai in fase di completamento), dei due centri di eccellenza nel comparto agro-alimentare potranno essere protagonisti
dell’Expo 2015 che, «per sei mesi – ricordano Beccalossi e Albetti – svilupperà il tema centrale del diritto all’alimentazione».

Oltre alle nuove infrastrutture cittadine, dunque, l’Expo potrà dunque contare sui centri di Carpaneta, nel Mantovano, e di Riccagioia, nell’Oltrepo Pavese, che saranno ultimati tra la
fine del prossimo anno e l’inizio del 2010 e saranno aperte alla partecipazione di tutti i soggetti coinvolti in due filiere fondamentali per il sistema agro-alimentare lombardo.

«Questi Poli – aggiunge Viviana Beccalossi – lavoreranno sviluppando funzioni cardine come formazione, ricerca, sperimentazione, trasferimento dell’innovazione, divulgazione e promozione
dei prodotti tipici».
«Si tratta di un’occasione straordinaria – conclude Albetti – per proiettare la qualità e l’efficienza del nostro modello agro-alimentare in una dimensione internazionale. La
scelta di investire risorse su due centri in zone fortemente vocate, è frutto di un’attenta programmazione e della volontà del presidente Formigoni e della vice presidente
Beccalossi di ragionare nell’ottica di fare sistema».

Leggi Anche
Scrivi un commento