Caselle perde i low-cost verso Londra

Piemonte – “Se il tanto propagandato impegno della Giunta Bresso per Caselle porterà anche alla perdita dei voli low-cost su Londra, allora davvero c’è da rallegrarsi!” con
ironia, Caterina Ferrero, consigliere regionale di Forza Italia, commenta le notizie del prossimo abbandono dello scalo torinese delle compagnie Ryanair e EasyJet, che dovrebbero spostare la
propria operatività su Levaldigi.

“Ormai su Caselle – dice Ferrero – è un bollettino di cancellazioni. Solo in quest’anno abbiamo visto saltare prima i collegamenti diretti con Praga e Cracovia, poi è stata la
volta della Austrian Airlines che ha eliminato il Torino-Vienna. Di gradino in gradino, Caselle scende la graduatoria degli aeroporti italiani, perdendo il proprio rilievo nazionale per
diventare uno scalo di livello regionale. Altro che beneficiare delle difficoltà di Malpensa, in caso di cessione di Alitalia ad Air France. A me sembra che Caselle viva un’autentica via
crucis, fatta di ridimensionamenti, a cui la Giunta Bresso non ha saputo opporre alcuna concreta strategia, senza la consueta politica degli annunci”.

L’esponente azzurra ricorda come da molto tempo la Giunta abbia promesso un diretto impegno nei confronti dello scalo torinese, “con tanto di cifre milionarie sparate subito sui giornali, cui
però non è seguito nessun accordo concreto con le compagnie aeree via via citate. Il bello è che quando lamentavamo la perdita di voli di compagnie titolate, ci fu risposto
che la Regione voleva puntare sui low-cost. Adesso che si perdono anche quelli, quale sarà la giustificazione?”.
Ferrero ha inviato la presidente della Commissione Trasporti di palazzo Lascaris una richiesta di audizione della Giunta e dei vertici di Sagat sulla situazione di Caselle.
“Occorre capire se esiste una strategia per gli aeroporti piemontesi – conclude Ferrero – e se davvero possiamo cominciare a fare sinergia tra gli scali presenti in Piemonte. Altrimenti senza
fare un gioco di squadra, si è in balia dell’Alitalia come di tutte le altre compagnie che agiscono solo nei propri interessi”.

Leggi Anche
Scrivi un commento