Calabria: Necessaria una verifica urgente sullo stato di salute del mare

Calabria: Necessaria una verifica urgente sullo stato di salute del mare

Roma – Niente allarmismi, ma una verifica urgente dello stato di inquinamento dell’ambiente marino causato dall’affondamento dei relitti ritrovati nel Tirreno. Lo afferma il presidente
regionale di Confcooperative e vice presidente nazionale di Federcoopesca Katia Stancato, secondo cui “occorre evitare reazioni penalizzanti per l’attività di pesca e per i consumi di
prodotto ittico calabrese, per procedere invece con tempestività nell’accertamento degli effetti che queste navi ha prodotto al sistema marino”.

E a questo proposito il presidente ripone massima fiducia nell’assessorato regionale all’Ambiente, soprattutto per la competenza scientifica dell’assessore Silvio Greco. La
Federcoopesca-Confcooperative Calabria, fa sapere, sta lavorando con la presidenza nazionale all’ipotesi di un risarcimento agli operatori per il mancato reddito causato dalla vicenda e di
costituirsi parte civile nel futuro procedimento penale.

“In questo momento – sottolinea il presidente di Federcoopesca-Confcooperative Massimo Coccia – tutti i nostri sforzi sono tesi a fare sì che le istituzioni nazionali diano vita a
provvedimenti mirati e tempestivi; la situazione è molto delicata, siamo vicini ai nostri operatori e non li lasceremo affrontare da soli quest’ennesima tegola che si sta abbattendo su un
comparto già in sofferenza”.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento