Caffè: Mina e Max, la coppia perfetta per estrazioni su misura

Caffè: Mina e Max, la coppia perfetta per estrazioni su misura

Caffè sempre perfetti, estratti come richiede ogni tipo di caffè: è la promessa mantenuta dall’accoppiata macchina espresso Mina + macinacaffè Max, da poco presentati al mercato internazionale.

Come avviene nella migliore tradizione di Dalla Corte, l’innovazione è protagonista: a Mina si accompagna una tecnologia brevettata, che grazie al DFR (Digital Flow Regulation) consente l’impostazione di diversi profili di flusso. L’acqua della preinfusione viene erogata sul macinato partendo da un flusso molto delicato; una valvola di apertura settabile digitalmente garantisce la massima precisione del flusso dell’acqua durante l’estrazione. Grazie alla tecnologia multi boiler e a un flow meter di ultima generazione, Mina consente le migliori performance anche in modalità automatica, controllando con precisione la quantità dell’acqua e garantendo una dose sempre perfetta.

Il macinacaffè on demand Max offre la massima professionalità in 16 centimetri di larghezza e 25 di profondità, che lo rendono adatto anche in spazi ridotti e limitati. Semplice e intuitivo, presenta due manopole per una regolazione precisa dei tempi di macinatura, sia della dose singola che di quella doppia. Un pulsante permette di passare dalla dose programmata alla modalità competition, con erogazione continua. Durante la macinatura, la dose da erogare (singola o doppia) viene riconosciuta in automatico, e il portafiltro è mantenuto in posizione. Le macine piane da 65 mm assicurano la precisione del taglio, mentre la ghiera alla base della tramoggia permette di regolare la macinatura al centesimo di millimetro.

A definire la coppia performante Mina e Max contribuiscono anche linea e stile: grazie alle numerose customizzazioni disponibili, ogni barista può creare il proprio stile unico, senza dover rinunciare a qualità e professionalità.

Le macchine Dalla Corte sono “lead free”, ovvero “senza piombo”, un segno del grande passo avanti che per prima dalla Corte ha compiuto, realizzando tutte le parti a contatto con l’acqua con una nuova lega che non dà cessioni di materiali considerati pesanti, in linea con i nuovi criteri per l’idoneità a contatto con gli alimenti definiti negli Stati Uniti dall’FDA (Food and Drug Administration).

www.dallacorte.com

Chiara Danielli
Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento