Brunello di Montalcino: è Josefa Idem la “Prima Donna” 2008

Ha vinto 6 ori, 10 argenti e 9 bronzi in Olimpiadi e Campionati del mondo di canoa, ha un marito e due splendidi bambini, 44 anni e un passato di Assessore al Comune di Ravenna. A questa donna
eccezionale, il prossimo 20 settembre a Montalcino, verrà consegnato il premio “Casato Prime Donne” 2008.

Sabato 20 settembre alle 17, al Teatro degli Astrusi a Montalcino, la vincitrice e i vincitori delle sezioni a tema si incontreranno con la Giuria composta da Francesca Colombini Cinelli
(presidente) Ilda Bartoloni, Rosy Bindi, Anselma Dell’Olio, Marialina Marcucci, Melania Mazzucco e Anna Presenti.
Ecco dunque il prestigioso elenco dei premiati:

Il volume Storia regionale della vite e del vino – Toscana curato dall’ Accademia dei Georgofili ha vinto per il Premio Provincia di Siena che verrà consegnato dall’Assessore
Claudio Galletti. Quasi un'”enciclopedia” del vino e della vite in Toscana che approfondisce aspetti storici, tecnici e commerciali con estrema autorevolezza. Il volume fa parte della collana
sulla vitivinicoltura italiana che l’Accademia della Vite e del Vino sta realizzando.

Il Presidente Vittorio Galgani consegnerà il premio Camera di Commercio di Siena per fotografie sul tema “Genti e terre dei vini Brunello e Orcia”. Il vincitore verrà
scelto da una giuria popolare di 50 membri fra i 5 finalisti: Matteo Brogi, Milena Paolessi, Roberto Virgini, Mauro Guerrini e Linda Frosini.

Aldighiero Fini, Presidente di MPS Capital Services Banca per le Imprese premierà Enzo Tiezzi, Pioniere dello studio delle risonanze magnetiche Tiezzi è uno dei padri
del concetto di sviluppo sostenibile. Autore di 20 libri e 500 pubblicazioni, ha dedicato la sua vita allo studio dei fondamenti biofisici e termodinamici della vita sulla terra traducendo le
analisi in concrete proposte di integrazione fra economia, politiche sociali e ambientali.

Premio Comune di Montalcino verrà consegnato dal Sindaco Maurizio Buffi a Giuliano Gallo e Aldo Grasso per gli articoli E il Brunello diventa multietnico e L’incrocio delle
diversità pubblicati nel “Corriere della Sera”. 576 immigrati di 45 Paesi diversi, l’11% di una popolazione montalcinese di 5.198 anime. Un ritratto inedito del territorio del
Brunello e di un’Italia che cambia, in questo caso, serenamente.

Il Presidente Patrizio Cencioni darà il Premio Consorzio del Brunello a Kerin O’Keefe. Profonda conoscitrice del vino italiano ne ha raccontato l’evoluzione ai lettori stranieri. I
suoi scritti si distinguono per la competenza e per la passione con cui sostiene i vitigni autoctoni e la cultura enologica locale.

Fra gli articoli concorrenti la giuria ha scelto, come miglior firma femminile, Simonetta Pagnotti giornalista di “Famiglia Cristiana” che ha raccontato l’inchiesta sul Brunello dando un quadro
esauriente e corretto della vicenda. Un giornalismo d’indagine, il suo, in cui i fatti emergono con chiarezza e lasciando al lettore la possibilità di giudicarli.

Dopo la cerimonia la festa in onore dei vincitori continuerà alla Fattoria del Colle di Trequanda dove avrà luogo la cena che si concluderà con la lettura
di alcuni brani del libro Controcorrente, scritto da Josefa Idem.

Nella cantina della Fattoria del Colle ci sarà un’altra protagonista italo tedesca, nata in Germania e italiana di adozione come Josefa. E’ la stilista Raphaela Hermes che ha
creato il “vestito” per il vino Cenerentola Doc Orcia e presenterà le sue nuove creazioni in mezzo alle botti.

Leggi Anche
Scrivi un commento