Broccoli, così depurano dallo smog

Broccoli, così depurano dallo smog

Lo smog è portatore di sostanze cancerogene, dannose per la salute: tuttavia, è possibili difenderci consumando broccoli.

Questo il metodo preso in considerazione da una ricerca della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health (Baltimora, USA), diretta da Thomas Kensler.

Il team di Baltimora ha lavorato con circa 300 volontari, cinesi residenti nelle vicinanze di Shangai, in una delle zone più inquinate del Paese, famosa per gli alti livelli d’inquinanti, benzene e acroleina.

Per 12 settimane, i volontari, divisi in due gruppi, hanno seguito una dieta specifica: il primo gruppo ha consumato ogni giorno una bevanda a base di acqua distillata, succo d’ananas e succo di lime, il secondo la stessa bevanda addizionata di una polvere di germogli di broccoli contenente 600 µmol di glucorafanina e 40 µmol di sulforafano. Le analisi mediche hanno provato come il secondo gruppo (consumatori di germogli di broccoli) aveva aumentato (+61%) la capacità di smaltimento del benzene tramite urine, mentre quella di smaltimento dell’acroleina rimaneva costante (23%).

Secondo gli esperti il sulforafano potrebbe attivare NRF2, molecola capace di stimolare la capacità delle cellule di adattarsi e sopravvivere alla presenza di un’ampia gamma di tossine.

Più in dettaglio, il dottor Kensler ritiene che “Questo studio indica un mezzo economico, semplice e sicuro che può essere sfruttato dalle persone per provare a ridurre alcuni dei rischi a lungo termine associati all’inquinamento dell’aria”. Perciò, prossimo passo sarà verificare se i principi attivi dei broccoli siano capaci di eliminare gli inquinanti presenti in acqua e cibo.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento