Bologna – Fondi per la qualificazione dei centri commerciali naturali e per l’innovazione delle piccole e medie imprese del commercio e dei servizi

Bologna – Ammontano a circa 7,5 milioni di euro le risorse messe in campo complessivamente dalla Regione Emilia-Romagna per la qualificazione dei centri commerciali naturali e
per l’innovazione delle piccole e medie imprese del commercio e dei servizi. Contributi che produrranno un investimento complessivo di quasi 48 milioni di euro.

Attraverso una delibera di giunta sono stati infatti concessi alle Province 5,9 milioni per interventi locali finalizzati alla promozione e all’attivazione di centri commerciali
naturali e 1 milione e 550 mila euro per assistenza tecnica, progettazione, innovazione tecnologica e organizzativa nelle piccole e medie imprese del commercio e dei servizi.

Altri contributi – 1,3 milioni di euro – vengono assegnati, in base a un’altra delibera della giunta, alle 12 cooperative di garanzia e di consorzi fidi della Regione
Emilia-Romagna per la promozione dell’associazionismo e della cooperazione creditizia. La cifra viene così ripartita: 600 mila euro vanno all’integrazione dei fondi
rischi o del patrimonio di garanzia, mentre 700 mila sono per la concessione di contributi in conto interessi attualizzati alle piccole e medie imprese del commercio, servizi e turismo.

La Regione, in base alla legge 41 del 1997, è impegnata da tempo nella promozione dei “centri commerciali naturali” attraverso interventi che consentano alla rete dei
piccoli esercizi di riqualificarsi per competere con le nuove formule di distribuzione commerciale. Con i progetti di valorizzazione commerciale prima e poi con gli interventi per la
promozione dei centri commerciali naturali, sono stati avviati importanti processi di riqualificazione dei centri storici o di loro porzioni, e di aree a rischio di impoverimento della
funzione commerciale.

Tutto questo con interventi articolati che possono riguardare le infrastrutture, il sistema della mobilità, la riqualificazione delle singole strutture commerciali, la promozione
dell’area. La “filosofia” che sta alla base dei progetti finanziati è l’intersettorialità e la costruzione di sinergie fra pubblico e privato.

La Regione ha previsto inoltre interventi per rilanciare le piccole e medie imprese del commercio e dei servizi attraverso il finanziamento di attività per l’assistenza
tecnica, la progettazione, l’innovazione tecnologica e organizzativa.

Leggi Anche
Scrivi un commento