Bacco nelle gnostre: vino novello e caldarroste in sagra

Ritorna la danza gioiosa del vino: profumi, sapori e colori della Terra delle Noci, e della Murgia dei trulli e delle grotte, un passato che continua a trasmettere i propri valori, nelle
atmosfere incantate del centro storico.

È l’ottava edizione di “Bacco nelle gnostre: vino novello e caldarroste in sagra”, che avrà luogo a Noci sabato 10 e domenica 11 novembre nel borgo antico, a cura di Formiche di
Puglia in collaborazione con il Comune di Noci e l’AIS Puglia. Un evento che oramai si presenta agli occhi dei più curiosi all’apice dell’ esuberanza.
Festoni, ghirlande e drappi per vestire la grande festa barocca in onore di Bacco e la memoria di un passato che torna a respirare in un’atmosfera onirica.
È il doppio sogno evocato dal nettare di Bacco, simbolo del piacere del peccato, della lussuria e dell’amore dei piaceri terreni.
Un grande ballo in maschera in cui inebriati dal sapore dolciastro del nuovo vino ed accompagnati dai sapori dei caldi piatti delle nostre tavole, ci abbandoniamo a noi stessi, in un percorso
tortuoso che esplora, andando per gnostre, i ricordi del passato.
Un simposio di sensazioni che ripercorrono la cultura del vino, dalle viti agli uomini, nella gioia della festa popolare.
Cantastorie, giocolieri, musicisti, gruppi folk, animeranno la serata in compagnia del “pane caldo” dei poveri: le caldarroste.
I colori e soprattutto i profumi dell’ autunno, che non ha esitato a bussare alle porte, dipingeranno di festa il paese, regalando agli ospiti, sempre più numerosi, il caloroso abbraccio
di una terra di tradizioni antiche e di sapori forti.

Leggi Anche
Scrivi un commento