Assobiotec: Ogm, soddisfazione per l’apertura di Sacconi

 

Milano – Assobiotec, l’Associazione nazionale per lo sviluppo delle biotecnologie, che fa parte di Federchimica, esprime la propria soddisfazione per le dichiarazioni rese
oggi a Milano dal ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, relativamente alla necessità di un superamento della moratoria di fatto sugli Ogm presente in Italia.

Assobiotec attende adesso i primi passi concreti dal governo, innanzitutto con l’abbandono di quell’atteggiamento di chiusura pregiudiziale che da anni caratterizza il voto
dell’Italia in sede europea in materia di autorizzazione alla coltivazione e all’importazione di prodotti geneticamente modificati. In secondo luogo, con l’avvio della
sperimentazione in campo di Ogm.

Assobiotec ritiene inoltre imprescindibile che le Regioni diano immediata attuazione normativa alle “Linee guida sulla coesistenza tra colture convenzionali, biologiche e
geneticamente modificati” predisposte dal gruppo di lavoro tecnico interregionale sugli Ogm della Commissione Agricoltura della Conferenza delle Regioni e approvate dalla
Conferenza delle Regioni il 18 ottobre dello scorso anno.

Un recente sondaggio di Demoskopea – sottolinea l’Associazione delle imprese biotecnologiche – ha messo in luce come il 74% degli agricoltori lombardi interessati
alla coltivazione di mais sia favorevole alla sperimentazione. Il 67% che si è detto pronto a coltivare da subito mais geneticamente modificato, se la legge lo consentisse.
Mentre aumenta di anno in anno anche il numero dei consumatori che si dichiarano favorevoli agli Ogm: sono il 30%, secondo l’ultimo sondaggio Eurobarometro, coloro che
acquisterebbero da subito prodotti geneticamente modificati, se li trovassero sugli scaffali dei supermercati, e il 15% coloro che non escludono un acquisto di questo tipo riservandosi
di scegliere caso per caso”.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento