Api: la Federazione apicoltori non scende in piazza

Esasperazione e protesta di alcune realtà del mondo apistico sono comprensibili, ma questa non è la sola strada per salvare le api italiane dalle gravi mortalità in atto, a
dichiararlo la FAI – Federazione Apicoltori Italiani, che ha scelto di non scendere in piazza, motivando così la propria posizione e la conseguente azione organizzativa.

? Per salvare gli alveari italiani, alle cui morie concorrono numerose cause – ambientali, sanitarie, agricole e biologiche – la FAI torna a sottolineare che occorre un rapido intervento di
monitoraggio e coordinamento tra Istituzioni, Ricerca, Apicoltori e Agricoltori.

? Viste le competenze in materia di disciplina dei fitofarmaci e la valenza delle api per il mantenimento della biodiversità, appare indispensabile – secondo la FAI – il perseguimento di
un’azione unitaria tra i Ministeri dell’Agricoltura, della Salute e dell’Ambiente, volta alla difesa dell’apicoltura come attività di interesse nazionale.

? Dopo oltre tre anni dall’entrata in vigore della legge n. 313/2004, per la Disciplina dell’Apicoltura, la FAI torna a chiedere alle Regioni l’immediato recepimento dell’articolo 4 che
attribuisce loro facoltà di emanare interventi sospensivi dell’impiego di fitofarmaci, laddove si segnalino episodi di tossicità a danno delle api.

? Occorre distinguere tra «moria delle api» e «mortalità degli alveari». E’ vero che in alcune regioni italiane (Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia
Giulia, Emilia Romagna) si segnalano, a macchia di leopardo, mortalità di api in concomitanza con le semine del mais. In questi casi – ricorda la FAI – si impone l’immediato intervento
delle Autorità sanitarie locali e dei medici veterinari competenti che hanno il compito di accertare la reale entità dei danni denunciati dagli Apicoltori, rilasciarne
certificazione ufficiale e correlare il danno con gli agrofarmaci ritenuti responsabili.

? Le importazioni e la commercializzazione di api vive e api regine non rispondenti alle caratteristiche dell’ape Ligustica italiana rischiano di innescare pericolosi processi di ibridazione e
diffusione di malattie non ancora presenti sul territorio nazionale. La FAI richiede, in tal senso, l’allerta rapida delle competenti autorità doganali.

? E’ indispensabile, sempre secondo la FAI – l’emanazione di idonee informative di sensibilizzazione alle competenti Amministrazioni di Stato, Regioni e Province Autonome, in ordine ai temi
sopra richiamati, per una più intensa e costante opera di vigilanza.

La FAI – Federazione Apicoltori Italiani richiede, a tal proposito, di essere al più presto ascoltata dai Ministeri delle Politiche Agricole, della Salute e dell’Ambiente, al fine di dar
concreto seguito alle proposte di intervento e nell’esclusivo intento di realizzare, attraverso un percorso di comune interesse, il mandato preminente di questa Federazione – quale maggiore
Organizzazione nazionale di rappresentanza del mondo apistico – che è quello della tutela e della salvaguardia dell’ape italiana.

Leggi Anche
Scrivi un commento