Anteprima nazionale per lo Champagne Cuvée William Deutz 2002

Anteprima nazionale per lo Champagne Cuvée William Deutz 2002

1 aChampagnePorche5Palazzo Parigi, nel cuore di Milano
La Maison DEUTZ è una tra le storiche cantine della Champagne che fin dall’anno della sua fondazione, il 1838, propone Champagne particolari unendo finezza, vinosità e generosità.
Nella raffinata cornice di Palazzo Parigi, nel cuore di Milano, alla presenza di Fabrice Rosset, Presidente e Direttore Generale della Maison DEUTZ, Caterina Boerci e Federico Boerci, rispettivamente Presidente e Amministratore Delegato D&C, distributore in Italia degli Champagne della Maison, è stato presentato in anteprima nazionale lo Champagne Cuvée William Deutz 2002.
La Cuvée William Deutz 2002, che coniuga con grazia e rotondità le finezze dei tre vitigni della Champagne – Pinot Nero, Chardonnay, Pinot Meunier – ha deliziato i palati dei partecipanti alla degustazione che hanno potuto vivere in prima persona un’esperienza esclusiva grazie a questo prestigioso Champagne.
1 aChampagneCaves5“Sono lieto di aver lanciato la Cuvée William Deutz 2002, dichiara Fabrice Rosset, in occasione della nuova partnership tra D&C e la nostra Maison.”
Cuvée William Deutz 2002 – note di degustazione
Colore dorato e brillante. Perlage estremamente fine ed elegante.
Il naso è allo stesso tempo delicato, ricco e complesso. Il vino presenta aromi floreali e fruttati, dove emerge la pesca bianca, seguiti da note di miele, spezie e zenzero candito.
L’attacco è netto e franco.
In bocca, il vino è ampio, ricco e seducente. Sprigiona aromi delicati, nei quali si mescolano ciliegie bianche, pesche di vigna e miele. Estremamente equilibrato, fine e  armonioso, con intriganti prospettive di evoluzione.

 

1 aChampagne DEUTZ - WILLIAM DEUTZ 2002Il finale, setoso, complesso ed elegante, rivela una grande persistenza aromatica.
Composizione della Cuvée
Pinot Nero: 62%, proveniente dai territori di Aÿ, Mareuil-sur-Aÿ, Bouzy, Louvois, Ambonnay.
Chardonnay: 27%, proveniente dai territori di Avize, Le Mesnil-sur-Oger, e in piccola parte dalla Montagna di Reims.
Pinot Meunier: 11%, proveniente dai territori di Pierry e Chatillon-sur-Marne.
Cibo e vino
Aperitivo di classe, la Cuvée William Deutz offre il meglio di sé in abbinamento a piatti ricercati: il caviale, un pesce raffinato e delicato come il salmerino alpino o la spigola (grigliati o con una salsa leggera) il foie gras spadellato, fino alle carni bianche leggermente insaporite da aromi esotici.  Accompagna meravigliosamente il sushi e, in generale, tutti i piatti della cucina asiatica, come l’anatra alla pechinese.
Questa la gamma completa degli Champagne Deutz:
Brut Classic, la più classica delle Cuvée DEUTZ, trae la sua armonia da tre varietà di vitigni che intervengono in parti uguali nell’assemblaggio.
Brut Rosé è una Cuvée delicata caratterizzata da note di frutti rossi estivi, composta per la maggior parte da Pinot Nero e da una punta di Chardonnay.
Brut Millésimé 2007 tra tutte le Cuvée è dotato di un carattere tanto potente quanto elegante.
1 aChampagne DEUTZ - WILLIAM DEUTZ 2002 etichettaRosé Millésimé 2009, soave ed elegante: la Cuvée è elaborata principalmente a partire da Pinot Nero.
Blanc de Blancs 2008 esprime tutta la sua poesia nei riflessi del suo aspetto chiaro, retaggio dello Chardonnay. Per questa Cuvée si selezionano i vitigni più belli e nobili di Chardonnay e della Champagne.
Cuvée William Deutz 2002 è un omaggio al fondatore della Maison. Tra tutti gli Champagne si distingue per il suo entusiasmo e la sua riconoscibilità. Nasce dai più bei grappoli delle annate eccezionali.
Amour de Deutz 2005, ispirato dal cherubino da cui prende il suo nome, è una Cuvée rara. Nasce da un monovitigno che matura principalmente nella Côte de Blanc.
(Nella foto: da sinistra Caterina Boerci, Fabrice Rosset, Federico Boerci)

Silva Valier
per Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento