Andar per vini a Milano: SEMPLICEMENTEUVA di Davide Paolini e Piaceri d’Italia

Andar per vini a Milano: SEMPLICEMENTEUVA di Davide Paolini e Piaceri d’Italia

Carlo Bozzo e Diego Minonzio ci raccontano la prima giornata:
Da: Press
Oggetto:     semplicemente uva
Data:     27 novembre 2010 18:37:17 GMT+01:00

Rossi, bianchi o bollicine. Buoni, buonissimi, naturali.

Biologici e spesso biodinamici.
Crescono in vigneti, dove non si usa nessuna sostanza chimica: da diserbanti ad antiparassitari sistemici.
Anche in cantina nessun orpello artificiale, spazio solo per lieviti naturali e indigeni: del territorio. C’è anche chi, per farli stagionare, rinuncia alle tradizionali botti di legno o
alle francesi barrique e sceglie di tornare alle origini: anfore d’argilla.
Quelle di Crimea e Georgia sono considerate le migliori.

Sono i vini “cosiddetti” naturali, protagonisti da oggi a Milano in via Ventura 14, all’interno delle aree industriali riqualificate di Lambrate, di SEMPLICEMENTEUVA la tre giorni ideata da
Davide Paolini e Piaceri d’Italia per farli conoscere al grande pubblico.

“Per rendersi conto della differenza, basta gustarli. E’ finita l’epoca dei vini da 14°, legnosi e corposi: il senso del gusto che ciascuno di noi ha chiesto che si compisse un passo verso la
natura – spiega Paolini – Così i vini naturali hanno fatto capolino anche in ristoranti stellati, come per sottolineare che cibi autentici meritano vini organici. Frutto di una
coltivazione viticola e di una vinificazione con metodi antichi, in cui vigna e territorio sono inscindibili”.
 
 Anche Luca Gardini, sommelier dello stellato ristorante Cracco, aprendo la manifestazione con il seminario/degustazione “Lo Champagne” ha espresso un’opinione molto positiva sui vini bio e
biodinamici.
“Sono Champagne con una forte identità, un loro stile, un pensiero preciso e unico. Li definirei “estremi”. Nascono da vinificazioni naturali e comunicano l’idea che ogni produttore ha del
vino”.

Grande la curiosità e l’interesse del pubblico sul concetto di naturale.
Al posto della canonica ora di lezione, l’incontro curato da Porthos dal titolo “Cos’è il vino naturale?” si è protratto per oltre due ore. Si è discusso di principi,
pratiche e norme, sulle differenze valore di biologico e biodinamico.

Mentre, SEMPLICEMENTEUVA in serata si è allargato a tutta la città (Semplicemente Uva Fuori), con oltre 30 tra enoteche e ristoranti milanesi che hanno organizzato degustazioni e
cene dedicate ai vini naturali, coinvolgendo anche nomi importanti dell’alta cucina:
Cracco, Joia, Sadler, Il luogo di Aimo e Nadia.

E domani la seconda giornata si aprirà con uno degli eventi più attesi, l’incontro con il viticoltore francese Nicolas Joly, promotore del movimento “Renaissance des AOC”,
considerato il “Guru” del movimento biodinamico d’oltralpe.

IL PROGRAMMA DI DOMENICA E LUNEDI’
Domenica 28 Novembre | 09.00 – 11.00
Porthos racconta | La scelta naturale: etica, economia e prospettive
Convegno | con la partecipazione di Nicolas Joly, produttore biodinamico dal 1984, Marco Serventi, vicepresidente della Demeter Italia, e Dominique Levite, ricercatore del FIBL, con la
moderazione di Sandro Sangiorgi, direttore della rivista Porthos.
 
Sempre più viticoltori scelgono di produrre in modo naturale, alla ricerca della rigenerazione della forza originaria della terra, dall …
Continua >>

Domenica 28 Novembre | 14.00 – 15.00
I lieviti degli altri | Pane, birra, aceto balsamico tradizionale di Reggio Emilia
Lezione | Degustazione con la partecipazione di Davide Longoni del Panificio Longoni di Carate Brianza, di Andrea Bezzecchi dell’Acetaia San Giacomo di Novellara, di Teo Musso del Birrificio
Baladin e Enrico Dosoli del Birrificio Menaresta.
I lieviti non selezionati, tema centrale nella produzione dei vini cosiddetti naturali, sono parte integrante e fondamentale della produzione di altri prod …
Continua >>

Domenica 28 Novembre | 16.30 – 17.30
Porthos racconta | Il vino naturale nel tempo: Château Musar tra longevità, conservazione e capacità di evoluzione
Lezione | Degustazione con la presenza di Serge Hochar, ospite di SemplicementeUva.
Da tempo, se si vuole comprendere la statura di un nobile bordolese, il premier vin della Maison Chateau Musar è il riferimento più sicuro; ciò in virtù della
naturalità viticola e della spontaneità con la quale sono condotte le pratiche di cantina. Come influisce la tecnic …
Continua >>

Lunedì 29 Novembre | 10.00 – 11.00
Federico Graziani | Sommelier Il Luogo di Aimo e Nadia | I vitigni autoctoni al naturale
Lezione | Degustazione
La produzione vitivinicola italiana spesso si identifica in vitigni tradizionali che attraverso la coltivazione naturale possono raggiungere caratteristiche organolettiche superiori
Continua >>

Lunedì 29 Novembre | 12.00 – 13.00
Andrea Gori | Sommelier e Patron Trattoria Da Burde Firenze | Vitigni e territori
Lezione | Degustazione Il senso che questa degustazione racchiude è quello di voler rappresentare quanto forte sia il legame con il territorio dove certi vitigni si sono storicamente
imposti e quanto la viticoltura naturale possa servire a questo tipo di legame. I territori analizzati saranno la Toscana, l’Abruzzo, la Slovenia, la Loira e la Borgogna in
Francia Posti …
Continua >>

Lunedì 29 Novembre | 14:00 – 15.00
Porthos racconta | La superiorità sensoriale del vino naturale: tattilità e persistenza del gusto, tra spiegazione scientifica ed emotività
Lezione | Degustazione
La forma della realizzazione e la sostanza della materia prima sono inscindibili, allo stesso modo la genuinità non basta a fare qualità espressiva.
Lezione con degustazione di sei campioni, serviti alla cieca, scelti tra quelli dei partecipanti alla manifestazione.
Evento a cura della rivista Porthos
Continua >>

www.semplicementeuva.it

 
Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento