Ancora una notte di proteste a Napoli per l'emergenza rifiuti

E’ stata un’altra notte di passione a Napoli e provincia per l’emergenza rifiuti. Ancora proteste, blocchi stradali e incendi dolosi appiccati ai cumuli di immondizia: una novantina gli
interventi dei vigili del fuoco.

Oggi intanto riprenderanno le spedizioni di rifiuti verso la Germania e secondo il prefetto di Napoli Alessandro Pansa, che ha convocato una riunione straordinaria del comitato provinciale per
l’ordine e la sicurezza pubblica, «il culmine della crisi è passato. In pochi giorni la città sarà ripulita». E mentre c’è attesa per il Consiglio dei
ministri, che mercoledì si riunirà a Napoli e affronterà l’emergenza rifiuti, il sindaco del capoluogo campano Iervolino definisce «irresponsabili» quei
napoletani che hanno appiccato i roghi e punta il dito contro la camorra: «E’ una potente spinta della malavita per destabilizzare la città».

Leggi Anche
Scrivi un commento