Alitalia, Tremonti: «prima si trova soluzione meglio è»

L’Alitalia «non è privatizzabile con le vecchie regole», per questo il Consiglio dei Ministri ha adottato un decreto «ora alla firma del Capo dello Stato» che
deroga alla legge del ’94 e prevede quindi procedure semplificate.

Il primo effetto è stata la delibera del Consiglio dei Ministri che ha individuato subito l’advisor in Intesa Sanpaolo. La delibera sarà ratificata dal Consiglio di
Amministrazione di Alitalia previsto per il 3 giugno.

«Oggi il Consiglio dei Ministri ha deciso di dotarsi di strumenti nuovi – ha spiegato il ministro all’Economia Giulio Tremonti – per individuare il soggetto in grado di acquisire il
controllo della società. Nello specifico, il Cdm, con propria delibera, può procedere all’individuazione di uno o più soggetti che ricerchino i soggetti interessati a
presentare un’offerta. Nel periodo che intercorre tra l’individuazione del soggetto da parte del Cdm e la presentazione dell’offerta – ha detto il Ministro – non sono dovuti gli obblighi
informativi previsti per le società quotate. Il soggetto individuato può chiedere informazioni presso la società’.

Leggi Anche
Scrivi un commento