Alitalia, i sindacati a Palazzo Chigi

 

L’incontro a palazzo Chigi delle 15.30 potrebbe essere l’ultima possibilità per governo, sindacati e Compagnia aerea italiana, per trovare l’accordo sul futuro di Alitalia.

Il presidente della Cai Colaninno “ha chiesto a noi di convocare una riunione di tutte le nove organizzazioni a cui rivolgerà un suo ragionamento”, ha spiegato il ministro del
Welfare Maurizio Sacconi.

Sul vertice pesa però proprio l’ultimatum di Sacconi, che ha spiegato che “non c’è più trattativa”.

“In questo momento – ha affermato il ministro – non può non esserci la speranza che tutti siano così responsabili da cogliere la sostanza, al di là delle virgole,
di una intesa. La sostanza è l’ultimo slot per il decollo di Alitalia”.

Al tavolo di palazzo Chigi i sindacati autonomi di Alitalia – Sdl, Anpac, Up, Avia, Anpav – portano una loro controproposta sul fronte del contratto: lavorare di più allo stesso
prezzo.

Intanto, prima dell’incontro con sindacalisti e vertici Cai, durante il question time alla Camera, Sacconi ha precisato che le compagnie internazionali British Airways, Air France e
Lufthansa non sono interessate a fare un’offerta alternativa per Alitalia.

Nella stessa circostanza il ministro ha ricordato che gli esuberi previsti nel piano industriale della Cai per Alitalia sono circa 3.000.

Leggi Anche
Scrivi un commento