Alimentazione, i nonni indulgenti fanno male ai nipoti

Alimentazione, i nonni indulgenti fanno male ai nipoti
Nonni

Nonni

I nonni possono essere utili nella cura dei nipoti, ma riguardo all’alimentazione possono essere troppo indulgenti.

A dirlo, una ricerca dell’Università di Glasgow, diretta dalla dottoressa Stephanie Chambers e pubblicata su “PloS One”.

Gli scienziati hanno preso in esame 56 ricerche provenienti da 18 Paesi diversi, dall’Europa al Giappone. Si sono poi concentrati su tre aree in particolare: dieta e peso, attività fisica e fumo.

Forse, dai primi due campi sono emersi i risultati più interessanti.

Per gli studiosi, sia in termini che alimentazione, i nonni hanno un effetto negativo.

I genitori li definiscono “Indulgenti e “disinformati”, e li accusasano di usare il cibo come strumento per ottenere l’approvazione dei nipoti. In molte ricerche mostrano come ai nipoti vengano offerti alimenti poco sani (ricchi di zucchero o di grassi) ed i genitori si sentano impotenti, disarmati dalle buone intenzioni degli anziani.

Riguardo all’attività fisica, i bambini copiavano i nonni: sei i secondi erano attivi, o vi erano abbastanza spazi per giocare, i primi facevano abbastanza attivita fisica.

Intervistata dalla BBC, la dottoressa Chambers si è detta favorevole ad una migliore strategia di cura, decisa in famiglia. Infatti, “Data l’importanza dei nonni nella cura dei giovani, il risultato misto riguardo l’alimentazione dei bambini potrebbe portare ad una discussione, importante e necessaria.

Plauso per i nonni invece da Grandparents Plus, che li ha definiti “La più grande fonte informale di cure” in Gran Bretagna e per questo meritevoli di “essere riconosciuti e supportati di più”.

Spiega uno dei dirigenti, Lucy Peake: “I nonni sono il meglio per i nipoti; più sono informati e resi in grado di giocare un ruolo positivo nella loro vita, meglio sarà”.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento