Al via la Campagna di comunicazione 2009 “Il fumo uccide: difenditi!”

Al via la Campagna di comunicazione 2009 “Il fumo uccide: difenditi!”

 

“Tutelare i non fumatori sensibilizzando i fumatori sui danni provocati agli altri, ridurre il numero dei fumatori abituali, prevenire l’avvicinamento dei giovanissimi al fumo”.

Questi gli obiettivi della Campagna di comunicazione ministeriale “Il fumo uccide, difenditi!”, presentata dal Sottosegretario alla salute Ferruccio Fazio il 5 febbraio presso la Sala
stampa di Palazzo Chigi.

Sono intervenuti il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio on. Paolo Bonaiuti, e l’attore Renato Pozzetto quale testimonial della Campagna.

Sono 650 milioni i fumatori nel mondo. 5.4 milioni muoiono ogni anno a causa del fumo e si stima che nel 2030 saranno 8 milioni. In Italia fumano circa 11,2 milioni di persone e muoiono
ogni anno 80.000 persone per questa causa e nell’Unione Europea 650.000.
Nel XX secolo a causa del fumo sono morti 100 milioni di persone, nel XXI si stima ne moriranno 1 miliardo. Nel 2030 più dell’80% dei morti a causa del tabacco saranno nei
paesi in via di sviluppo. Il tabacco provoca più decessi di alcol, aids, droghe, incidenti stradali, omicidi e suicidi messi insieme.

L’epidemia del tabacco è una delle più grandi sfide di sanità pubblica della storia. L’OMS ha definito il fumo di tabacco come “la più grande
minaccia per la salute nella Regione Europea”. Le morti e le malattie fumo-correlate, tuttavia, sono interamente prevedibili e prevenibili. Si conosce, infatti, esattamente cosa provoca
l’uso di tabacco, come e quanto uccide, cosa danneggia e come fare per evitare tutto ciò.

La campagna di comunicazione
Una politica efficace di prevenzione nei confronti di uno stile di vita non salutare e che crea una forte dipendenza come il tabagismo necessita
di un azione di informazione e di sensibilizzazione costante e di una strategia di comunicazione di lunga durata.
Gli obiettivi della campagna sono quelli di ridurre il numero dei fumatori abituali, tutelare i non fumatori sensibilizzando i fumatori sui danni provocati agli altri, prevenire
l’avvicinamento dei giovanissimi al fumo Il target a cui è rivolta la campagna “Il fumo ti uccide: difenditi!” è costituito dai fumatori abituali e dai
giovanissimi.
Queste due fasce di popolazione saranno raggiunte in due fasi di campagna differenziate.

La prima fase, che si avvia a partire dall’8 febbraio, è rivolta alla popolazione adulta e prevede la veicolazione sulle principali emittenti delle reti televisive a
diffusione nazionale di uno spot, il cui testimonial è il noto ed apprezzato attore di cinema e teatro Renato Pozzetto.
Il contenuto del messaggio promosso sarà: il fumo danneggia la tua salute e riduce le tue prestazioni fisiche. In particolare si è voluto richiamare in modo chiaro
l’attenzione sulle principali patologie fumo correlate. (infarto, tumore, arteriosclerosi etc.).
Una delle cause principali dell’iniziazione al fumo e del mantenimento di questa abitudine è, infatti, la mancata percezione del pericolo reale per la propria salute.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento