Agricoltura, De Castro: 19 Aprile, Confermata volontà PE di fornire ai consumatori informazioni trasparenti sull’origine dei prodotti alimentari

Agricoltura, De Castro: 19 Aprile, Confermata volontà PE di fornire ai consumatori informazioni trasparenti sull’origine dei prodotti alimentari

Data: 19 aprile 2011 18:17:14 GMT+02:00
Oggetto:
Nota stampa: Etichettatura, De Castro:
Confermata volontà PE di fornire ai consumatori informazioni 
trasparenti sull’origine dei prodo
tti alimentari

Bruxelles, 19 aprile 2011.
“Sull’etichettatura si è tornati sulle posizioni espresse dal Parlamento in prima lettura e questo non può che essere considerato un passo in avanti”. Così il Presidente
della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo Paolo De Castro ha commentato l’esito del voto sul progetto di regolamento per l’etichettatura dei prodotti alimentari. I deputati della
Commissione Ambiente del Parlamento europeo si sono espressi a favore di un’estensione dell’obbligo di indicazione del ‘luogo di provenienza’ dei prodotti.

“Il rapporto – ha proseguito il presidente della Commissione Agricoltura del PE – può essere migliorato in più punti, ma viene confermata la chiara volontà del Parlamento di
fornire ai consumatori informazioni trasparenti sull’origine dei prodotti alimentari che acquistano. Per quanto riguarda altre importanti questioni – conclude l’esponente di S&D – ancora non
è possibile dare una lettura organica e completa, dato il gran numero di emendamenti presentati”.
 

____________________________________________________________________
Data: 13 aprile 2011 17:15:26 GMT+02:00
Oggetto: Nota stampa: Olio deodorato, De Castro: Con rettifica UE vittoria della qualità
 
OLIO DEODORATO, DE CASTRO: CON RETTIFICA UE VITTORIA DELLA QUALITA’

Bruxelles, 13 aprile 2011. “La rettifica del regolamento (UE) n. 61/2011 trasforma quello che già era un successo in una vittoria schiacciante della qualità e del ruolo dell’Europa
nel difenderla”. Lo ha dichiarato il Presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo Paolo De Castro commentando le ultime modifiche ai metodi di analisi per individuare gli oli
deodorati contenute in Gazzetta Ufficiale. Un banale errore di traduzione che aveva invertito l’ordine nel rapporto matematico tra i metil esteri degli acidi grassi ed etil esteri degli acidi
grassi e che riporta il limite di tolleranza sotto una soglia di 75 Mg/kg. “Adesso, ha concluso De Castro – tutti coloro che guardano all’Europa con diffidenza e la considerano una minaccia
dovrebbero fare un mea culpa. Al contrario, quelli che lavorano con dedizione alla definizione delle scelte europee e vedono nell’Unione un enorme spazio di opportunità a difesa e a tutela
di cittadini e imprese, possono festeggiare”.
 
 
____________________________________________________________________
Data: 12 aprile 2011 11:58:08 GMT+02:00
 
Oggetto: Nota stampa: UE, De Castro: Grandi novità su  sviluppo rurale, rimborso iva e risorse salve per regioni

UE, DE CASTRO: GRANDI NOVITA’ SU SVILUPPO RURALE, RIMBORSO IVA E RISORSE SALVE PER REGIONI

Bruxelles, 12 aprile 2011. «Grazie al voto favorevole in Commissione Agricoltura, sono state introdotte due importantissime novità sulla politica di sviluppo rurale». Lo ha
dichiarato il Presidente Paolo De Castro dopo l’approvazione della proposta di modifica al regolamento 1698/2005 sul sostegno allo sviluppo rurale. «Dovendo allineare la legislazione al
Trattato di Lisbona, abbiamo ritenuto strategico armonizzare la politica di sviluppo rurale rispetto all’assetto istituzionale dei vari Paesi UE. Innanzitutto, l’autorizzazione del rimborso
dell’IVA non recuperabile e non rendicontabile per le spese sostenute dalle Regioni. Finalmente, i soggetti pubblici, non avranno più difficoltà nel reperire le risorse finanziarie
necessarie al pagamento di tale imposta ai rispettivi fornitori di beni e servizi». Un forte incentivo alla realizzazione degli interventi, che assume un significato ancora più
importante in un momento di crisi delle finanze pubbliche e che scongiura il rischio di perdita di risorse comunitarie. Una novità in risposta alle sollecitazioni della Commissione
Politiche Agricole delle Regioni guidata dall’Assessore Dario Stefano. «A ciò – ha detto De Castro – si aggiunge l’approvazione dell’emendamento che autorizza l’applicazione del
disimpegno automatico delle risorse sullo sviluppo rurale a livello di Stato membro. Anche in questo caso, un elemento strategico e importante che aumenta l’efficacia e il valore aggiunto dei
fondi comunitari attraverso compensazioni finanziarie tra programmi regionali. Finalmente, dopo il voto di oggi, le Regioni in difficoltà non rischieranno, come accaduto in passato, di
perdere preziose risorse finanziarie dovendole restituire a Bruxelles. Siamo fiduciosi – ha concluso De Castro – che, come consuetudine, l’Aula di Strasburgo recepirà il provvedimento
così come licenziato oggi in Commissione. Spetterà in seguito al Consiglio UE difendere tali disposizioni che garantiscono alle Regioni una maggiore flessibilità ed
efficienza nella gestione delle importantissime risorse comunitarie sullo sviluppo rurale».
 
 

____________________________________________________________________
11 aprile 2011 15:43:52 
 
Oggetto: Agricoltura, De Castro: A Bruxelles una due giorni ricca di appuntamenti strategici

Agricoltura, De Castro: A Bruxelles una due giorni ricca di appuntamenti strategici

Bruxelles, 11 aprile 2011. “In due giorni saranno prese decisioni di grande importanza per il futuro dell’agricoltura europea”. Con queste parole il Presidente della Commissione Agricoltura del
Parlamento europeo Paolo De Castro ha introdotto l’agenda della Commissione prevista per oggi e domani a Bruxelles. Ad aprire la due giorni di lavoro sarà la partecipazione ai lavori del
Commissario all’Ambiente Janez Potocnik che prenderà parte alla discussione sulla riforma della politica agricola comune. “La presenza del Commissario per l’Ambiente in Commissione
Agricoltura – ha sottolineato De Castro – é la conferma del ruolo centrale che il Parlamento ha assunto nel processo decisionale europeo, dopo l’entrata in vigore del trattato di Lisbona”.
Sullo stesso argomento, domani é prevista la presenza del capo delegazione della Presidenza ungherese all’Agricoltura, Sándor Fazekas, che illustrerà i risultati del
Consiglio di marzo 2011. Sempre nella giornata di domani, si discuterà di qualità dei prodotti agricoli e di sistemi di etichettatura degli alimenti a denominazione d’origine, Dop,
Igp e Stg. “Con i colleghi parlamentari – prosegue De Castro – proporremo una serie di profonde modifiche alle regole sullo schema di certificazione dei prodotti di qualità per dare ai
prodotti tipici europei nuovo slancio e la giusta promozione a livello globale”. Altrettanto importante, infine, sarà l’approvazione di domani dei regolamenti sullo sviluppo rurale e sui
pagamenti diretti per quanto riguarda l’allineamento al Trattato di Lisbona. “Due proposte strategiche – ha concluso il Presidente De Castro – che consentiranno alla legislazione europea di
adeguarsi ai nuovi dettami previsti dal Trattato di Lisbona e, al tempo stesso, di armonizzarsi a livello di Stato Membro”.

__________________________________________________
Data: 07 aprile 2011 12:34:40 GMT+02:00
 
Oggetto: 

Agricoltura, De Castro: Da Strasburgo stop a importazioni pomodori UE dal Marocco
 
Strasburgo, 7 aprile 2011. «Oggi l’Aula di Strasburgo ha segnato una pagina importante di politica agricola». Lo ha dichiarato il Presidente della Commissione Agricoltura
del Parlamento Europeo Paolo De Castro che è intervenuto in Plenaria sulla Petizione relativa alle importazioni UE di pomodori dal Marocco. «La petizione in discussione oggi arriva
in un momento in cui in Parlamento stiamo discutendo del nuovo capitolo sull’agricoltura dell’accordo di associazione con il Marocco. Gli uffici europei per la lotta antifrode – ha
dichiarato il Presidente della Commagri – ci confermano che ci sono state delle irregolarità nelle importazioni dei pomodori con conseguenti danni per i produttori europei.
Siamo sensibili a queste preoccupazioni e per tali ragioni abbiamo chiesto alla Commissione UE di adottare urgentemente le misure necessarie a modificare il regime dei prezzi di entrata dei
pomodori e a recuperare i dazi doganali non corrisposti. Un passo importante – ha concluso De Castro – per tutelare un settore strategico dell’agricoltura mediterranea, nella consapevolezza che
l’attuale situazione di crisi economica e politica di tutta l’area del Maghreb ci deve indurre ad una riflessione attenta e più solidale su questo accordo». Il Presidente De Castro
è intervenuto in Aula anche sulla Relazione che modifica la direttiva 2000/75/CE sulle misure di vaccinazione contro la febbre catarrale degli ovini. «Un dossier strategico che
intende rendere più flessibili le norme relative alla vaccinazione contro la febbre catarrale e sul quale l’impegno in commissione è stato massimo per permettere la campagna di
vaccinazione prima dell’estate».

Ufficio stampa On. Paolo De Castro

__________________________________________________________________
Data: 22 marzo 2011 15:57:20 GMT+01:00
Oggetto: Nota stampa: Agricoltura, De Castro a Ginevra: Nuove regole Wto

AGRICOLTURA, DE CASTRO A GINEVRA: CON EMERGENZE GLOBALI NECESSARIE NUOVE REGOLE WTO

Bruxelles, 22 marzo 2011. “L’agenda di Doha deve tener conto del nuovo scenario economico internazionale”. Lo ha dichiarato in una nota il presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo
rurale del Parlamento Europeo Paolo De Castro, che ha rappresentato l’Europarlamento all’Assemblea interparlamentare presso la sede del Wto a Ginevra. “Da quando, dieci anni fa, sono cominciati i
negoziati del Doha Round – ha detto De Castro – la situazione economica globale è profondamente cambiata e sarebbe sbagliato far finta di niente”. L’ex ministro delle Politiche Agricole ha
parlato della necessità di cambiare le priorità nell’agenda dei lavori e ha invitato l’organizzazione mondiale del commercio a dare il suo contributo sui temi
dell’instabilità dei mercati, della volatilità dei prezzi agricoli, della scarsità di risorse naturali e della sicurezza alimentare. “Non si tratta di invocare un ritorno al
protezionismo – ha proseguito De Castro – ma di aggiornare l’agenda dei negoziati, alla luce degli avvenimenti degli ultimi anni. Occorrono nuove regole d’ingaggio e uno sforzo condiviso tra
stati e entità sovranazionali per creare una nuova politica mondiale del cibo, cui anche il Wto deve contribuire. Se non si lavora a questa governance la liberalizzazione degli scambi
rischia di tradire la promessa di sviluppo, e l’agenda di Doha potrebbe rivelarsi uno strumento già sorpassato dagli eventi”. Il Presidente, intervenendo durante l’Assemblea di Ginevra, ha
chiesto all’ambasciatore David Walker, capo dei negoziatori WTO per l’agricoltura, se visti i passi avanti della UE sulla riforma della PAC rispetto al FARM BILL degli USA, ritenesse possibile un
accordo nel Doha Round sulle indicazioni geografiche. “Le difficoltà nelle risposte del WTO su quello che rappresenta un punto irrinunciabile per l’Unione – ha dichiarato De Castro – ci
devono far riflettere sulla necessità di ulteriori sforzi. L’annuncio di oggi del Commissario Ciolos  sul riconoscimento da parte della Cina del Grana Padano e del Prosciutto di Parma
ci lascia ben sperare per il futuro. È attorno al riconoscimento reciproco e alle relazioni bilaterali – ha concluso De Castro – che, anche in sede di WTO, si potranno aprire spazi di
opportunità per i nostri prodotti di qualità “.
 

____________________    ______________________   ______________________

Data: 08 marzo 2011 18:21:07 GMT+01:00
Oggetto: Nota stampa: Agricoltura, De Castro: Accolte dal Parlamento Europeo tutte le proposte CommAgri su negoziato UE-Mercosur

Bruxelles, 8 marzo 2011- “Con il voto di oggi, il Parlamento Europeo ha accolto tutte le proposte della Commissione Agricoltura e Sviluppo rurale per salvaguardare l’agricoltura europea dai
rischi connessi agli accordi commerciali internazionali, compresi quelli con il Mercosur”.

E’ il commento soddisfatto del Presidente della CommAgri Paolo De Castro al termine dell’approvazione della relazione sull’agricoltura dell’UE e il commercio internazionale. “Abbiamo chiesto e
ottenuto dall’esecutivo – continua De Castro – di evitare di fare concessioni che potrebbero avere un impatto negativo sull’agricoltura dell’Unione in sede di negoziati commerciali
extra-UE”.

“Protezione degli interessi dei nostri agricoltori durante i negoziati internazionali, primo fra tutti quello con il Mercosur: è questo – ha detto De Castro – l’obiettivo che oggi
abbiamo raggiunto in Aula dopo un lungo e complesso lavoro che ci ha visti impegnati negli ultimi mesi in Commissione Agricoltura”.

“A tal riguardo, sono stati accolti tutti i 61 paragrafi della Relazione, compreso il numero 47 nel quale abbiamo chiesto alla Commissione di presentare una valutazione d’impatto prima della
conclusione dei negoziati. Un documento importante per garantire un mercato più trasparente, orientato al concetto della cosiddetta reciprocità delle regole e che favorisca la
prospettiva di una maggiore convergenza a livello internazionale degli standard applicati dall’Unione Europea. Un tema sul quale abbiamo discusso più volte in Commissione sin dall’inizio
della legislatura e che consideriamo fondamentale per evitare che gli sforzi europei in tema di benessere animale, qualità, ambiente vengano vanificati da un mercato incapace di
riconoscere i valori sociali incorporati in un prodotto”.

“Il risultato di oggi, ha concluso l’ex Ministro, ci dà fiducia per completare il cammino necessario a ridurre gli impatti distorsivi derivanti dalla possibilità che player al di
fuori del sistema di regole comunitario possano tradurre i minori vincoli cui sono sottoposti in maggiori vantaggi competitivi”.

Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento