Abruzzo. Cercasi fornaio disperatamente

Abruzzo. Cercasi fornaio disperatamente

(Messaggio della Redazione di Newsfood.com : Attenzione l’articolo è di settembre 2011 e pertanto è inutile inviare il proprio curriculum)

AAA cercasi fornaio disperatamente. Questo il grido d’aiuto dell’associazione panificatori d’Abruzzo, colpita duramente dalla mancanza d’esperti qualificati. E, come spiega il presidente
Vinceslao Ruccolo, se mancano i creatori manca il prodotto finito, il pane locale, creato da cereali autoctoni e famoso per il suo sapore.

Secondo Ruccolo, la carenza di personale ha diverse cause.

In primis, il dover sostenere una lotta impari: il piccolo fornaio abruzzese deve infatti confrontarsi con i grandi nomi del settore, che hanno dalla loro tecnologia e finanze ben superiore. Il
panificatore artigianale può mettere in campo l’inventiva ed il prodotto tipico (Ruccolo prepara il pane con diversi condimenti, dalle noci alla zucca alle olive), ma la bilancia pende
sempre dall’altra parte.

Poi, un pregiudizio culturale che disprezza i mestieri manuali ed eleva quelli più intellettuali, a prescindere da stipendio e solidità occupazionale. Lo spiega anche Paolo Gatti
assessore regionale alle Politiche del Lavoro: “E’ un retaggio del dopoguerra il fatto che i figli debbano essere per forza tutti diplomati o laureati e impiegati, possibilmente nella pubblica
amministrazione. Bisogna superare i pregiudizi culturali legati a professioni considerate poco qualificanti. È vero, quello del fornaio è un mestiere duro ma, come accade anche
per altre figure molto richieste, consentirebbe di avere uno sbocco lavorativo immediato e sicuro e uno stipendio non trascurabile”.

Comunque sia, il risultato finale è chiaro: una carenza di personale, sia giovani da formare che esperti pronti, sempre più dannosa per l’economia della Regione.

Conclude il presidente Ruccolo: “In Abruzzo sono tanti i forni artigianali che non trovano manodopera e il problema, che esiste da anni, ora si è accentuato”. Persino i vantaggi
economici e lavorativi lasciano insensibili: “Un fornaio con la qualifica ottiene circa 2.500 euro netti al mese in busta paga. Uno stipendio che, con gli straordinari e la produttività,
arriva facilmente a tremila. È vero che si lavora nelle ore notturne, di solito da mezzanotte alle otto, ma c’è anche chi finisce prima e inizia prima. Quasi sempre, invece,
rispondono alle offerte di lavoro solo gli extracomunitari e, ultimamente, neanche quelli”.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Commenti ( 5 )
  1. Massimo
    13 Febbraio 2014 at 11:24 am

    Io cerco disperatamente sono un panettiere contattatemi se verente e così 3388xxxxx

  2. corrado
    9 Maggio 2014 at 5:17 pm

    salve mi chiamo Corrado ho quarantanni scrivo dalla sicilia sono un panettiere e sono disponibile a spostamenti e ho necessita di lavoro

  3. lorenzo
    20 Giugno 2014 at 2:13 pm

    Sono interessato al lavoro come panettiere o in laboratorio per prodotti da forno,la mia passione : pane, focacce , pizze, panettone e colomba. .Scrivo dalla prov. di Bari .

  4. francesco
    29 Settembre 2014 at 12:14 pm

    ciao ho 42 anni ho lavorato per 17 anni in un panificio come fornaio sono disponibile a trasferirmi in qualsiasi momento se avete bisogno di una persona seria e grande lavoratore contattatemi a presto…

  5. Fabio Assirelli
    28 Aprile 2015 at 4:47 pm

    Mi chiamo fabio nel settore della panificazione ho lavorato per 24 anni .Dalla pasta dura alla laborazione di pasta molla.se vi interessa contattarmi io sono disponibile ovviamente deve essere una cosa seria.

Scrivi un commento