Aborto, il Centrodestra piemontese chiede Consiglio regionale aperto

Torino – Sulle questioni legate alla revisione della legge 194, l’opposizione chiede la convocazione di un Consiglio regionale aperto, nella odierna riunione della conferenza dei
capigruppo Angelo Burzi (Forza Italia), William Casoni (An), Oreste Rossi (Lega Nord), Deodato Scanderebech (Udc), Stefano Monteggia (Gruppo della Libertà) hanno formalizzato la loro
richiesta.

«Abbiamo deciso – dicono i capigruppo del centrodestra – di trasformare la richiesta di Consiglio straordinario, depositata ieri, in una richiesta di Consiglio aperto. La differenza
è che mentre nel primo caso c’è l’obbligo statutario della convocazione entro 15 giorni, nel secondo non ci sono obblighi. Confidiamo comunque che la maggioranza, stante la
rilevanza del tema e il dibattito aperto a livello nazionale, voglia accogliere la nostra proposta. Inoltre, ed è forse l’aspetto fondamentale, con la riunione del Consiglio aperto
possiamo ottenere il coinvolgimento degli operatori socio-sanitari, degli esponenti delle realtà sociali e culturali interessate al problema della revisione della legge sull’aborto, a
trent’anni dall’entrata in vigore».

Leggi Anche
Scrivi un commento