A febbraio contratti scaduti per oltre 6 milioni di lavoratori

40 contratti, 6,6 milioni di dipendenti, il 55,1% del totale delle normativa contrattuale, alla fine di febbraio 2008 questo il dato annunciato dall’Istat riguardo la scadenza dei contratti,
che ricorda anche i 36 accordi ancora vigenti riguardo il trattamento economico e normativo di oltre 5,6 milioni di lavoratori.

Tra i contratti in vigore, la copertura è totale nel ramo assicurativo e del credito ed è assai elevata in agricoltura (94,9%) e nell’industria (84%). La quota dei contratti
vigenti a marzo 2008 sarebbe così pari al 44,9% in assenza di rinnovi, percentuale che scenderebbe al 40,8% ad aprile per poi rimanere pressoché stabile fino ad agosto. A quel
punto il peso dei contratti scaduti sarebbe pari al 59,2% rispetto al 26,4% della fine di febbraio.

L’indice delle retribuzioni contrattuali per l’intera economia proiettato al tutto il 2008, in base alle sole applicazioni previste dai contratti in vigore alla fine di febbraio, sarebbe pari
al 2,5%. Di quest’aumento, due terzi circa sono frutto di miglioramenti previsti per il 2008 mentre la restante parte è il risultato della dinamica retributiva registrata nel 2007. I
mesi di attesa per i lavoratori con contratto scaduto a febbraio sono in media 10,6, in aumento di un mese e mezzo rispetto a gennaio. L’attesa media distribuita sul totale dei dipendenti
è di 5,7 mesi, inferiore a gennaio ed invariata rispetto a febbraio 2007.

Antonella De Marco

Leggi Anche
Scrivi un commento