Zamagni: “Subito un’organizzazione mondiale per l’Ambiente”

Zamagni: “Subito un’organizzazione mondiale per l’Ambiente”

“Dovremmo preoccuparci di lasciare alle generazioni future delle risorse facendo noi, adesso, delle rinunce”. Le parole di Stefano Zamagni, ordinario di Economia Politica all’università di
Bologna, scuotono la platea del Forum  Greenaccord di Viterbo.

“Fino ad adesso è stato affrontato il problema basandosi fondamentalmente sull’efficienza, cioè sulla filosofia utilitaristica che non ha del tutto funzionato. Oggi abbiamo la
necessità di trovar un equilibrio tra l’efficienza e l’equità generazionale. La nostra è una democrazia elettistico-competitiva, i cui orizzonti non vanno oltre i tempi di
una legislatura. Ecco perché occorre impegnarci per cambiare e migliorare questo modello di democrazia, anche con formule nuove di rappresentanza popolare, come ad esempio i “forum
deliberativi”, soprattutto per le questioni ambientali che necessitano di politiche a lungo termine.

Occorre – aggiunge Zamagni – una rivoluzione culturale che introduca un nuovo concetto di libertà, intesa come sviluppo umano integrato e responsabile. L’economista indiana Amartya Kumar
Sen, premio Nobel per l’economia nel 1998, ad esempio, mostra in un saggio recente come lo ‘human development approach’ da lei stessa proposto negli anni Novanta, sia in grado di impostare
su nuove basi il rapporto tra sviluppo e tutela dell’ambiente.

Le sue posizioni hanno trovato nella Caritas in Veritate di Benedetto XVI una loro autorevole collocazione: lo sviluppo quando è autenticamente umano non può svolgersi in contrasto
con le leggi di natura. I singoli Paesi  – aggiunge Zamagni – ed il mercato attuale non riescono da soli ad implementare lo sviluppo sostenibile, è necessario quindi creare per
l’ambiente organismi internazionali  con poteri di controllo e sanzionatori, così come esiste per il commercio il WTO. Questa nuova organizzazione mondiale per l’ambiente dovrebbe
cercare, da un lato, di rendere tra loro compatibili le regole del libero scambio e quelle preposte alla protezione ambientale, e dall’altro farle rispettare da tutte le parti, governi, agenzie
internazionali ed altri organismi. Un’agenzia, quindi, con forti poteri, che deve intervenire, con ruoli di supplenza, in tutti i casi per prevenire e coordinare tutte le azioni di difesa
ambientale.”

Stamattina i lavori proseguono con l’atteso intervento di Brian Fagan, docente di Antropologia all’università della California di Santa Barbara. Fagan proporrà uno sguardo sugli
effetti dell’influenza dei cambiamenti climatici sugli eventi storici. Seguiranno gli interventi di Antonio Navarra, direttore del Centro Euro-Mediterraneo per i Cambiamenti Climatici, e di
Joellen Russell, docente di scienze geologiche dell’università dell’Arizona, che parlerà dello scioglimento dei ghiacciai in Antartide.

Leggi Anche
Scrivi un commento