Volgare ed antisportivo, Coca-Cola licenzia Wayne Rooney

Volgare ed antisportivo, Coca-Cola licenzia Wayne Rooney

Col suo Manchester, è in piena corsa per la Premiership e la Champions League, dove ha segnato il gol del 1-0 nei quarti contro il Chelsea.

Tuttavia, Wayne Rooney non stato considerato adatto dalla Coca-Cola. Il gigante delle bibite ha così deciso di non rinnovare il contratto firmato nel 2005. Secondo la stampa ed i media
britannici, all’origine della decisione una serie di comportamenti dell’attaccante giudicati inaccettabili.

In primis, le difficoltà coniugali: nel 2010, Rooney ebbe una relazione sessuale con una escort, nonostante fosse sposato con la fidanzata di lungo corso Coleen. Il Red Devil ha poi
rappezzato il matrimonio, ma agli occhi della Cola il danno era irreparabile.

Colpo di grazia, forse, il comportamento tenuto durante la partita disputata contro il West Ham, dove Rooney mostro il meglio ed il peggio del suo repertorio.

Autore di una tripletta, il giocatore ha trascinato i compagni alla vittoria per 4-2. Purtroppo, le sua esultanza a base di oscenità non è passata inosservata, né alle
telecamere né alla Football Association. Dai suoi giudici è così arrivata una sanzione, che terrà Rooney fuori dal campo sia nella partita contro il Fulham (8
aprile) che nelle semifinale di FA Cup, il derby contro il Manchester Ciy (16 aprile).

Come prevedibile, il fuoriclasse ha tentato la via del pentimento: “Mi dispiace saltare due partite, una delle quali è una semifinale di FA Cup a Wembley. Non sono il primo giocatore a
dire oscenità in TV e non sarò l’ultimo. Al contrario di altri che sono stati ripresi dalle telecamere, io mi sono scusato immediatamente: ma sono l’unico squalificato per aver
pronunciato frasi volgari. Non mi sembra giusto, ma devo accettare la situazione e andare avanti”.

Niente da fare: il direttivo Coca-Cola si è mostrato inesorabile, “licenziando” il giocatore, che dice così addio ad entrate per 2,5 milioni di sterline. Tuttavia, Wayne ha di che
consolarsi. In primis è testimonial di brand d’eccellenza come Nike ed EA Sport. Da non trascurare poi gli affari minori, come “The Way It Is”, pubblicato dall’editore Harper Collins:
tra ingaggi e sponsor, il volume frutta 1 milione di sterline al mese.

FONTE: Guy Patrick, Richard Moriarty, “Coke can Rooney”, The Sun 7/04/011

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento