Vinitaly: Come la viticoltura italiana supera la “Grande Crisi”

Vinitaly: Come la viticoltura italiana supera la “Grande Crisi”

Verona – Il vino italiano ha retto alla prova della “grande crisi” del 2009. E lo ha fatto grazie ad una ulteriore crescita delle esportazioni e ad uno slancio negli investimenti che ha
coinvolto l’acquisizione di terreni, l’ammodernamento tecnologico e immobiliare delle cantine e, soprattutto, le reti commerciali in Italia e all’estero.

Questo il risultato di una ricerca di mercato realizzata, per conto di Vinitaly, da Axiter-Confcommercio assieme all’istituto Unicab: un’indagine congiunturale che ha coinvolto un panel di oltre
360 cantine italiane – le maggiori e le più significative, ma anche realtà cooperative e non, piccole e medie, distribuite in tutte le denominazioni nazionali.
Nonostante un clima generale improntato al pessimismo, all’interno dei propri cancelli le cantine italiane hanno mostrato una capacità di tenuta e la voglia di sfruttare il momento per
“mettere ordine”al proprio interno, investendo sulle reti commerciali, sull’acquisizione di nuovi terreni e marchi e sull’ammodernamento tecnologico.

Questo trend positivo ha coinvolto due cantine su tre con tassi di crescita anche a due cifre tanto in Italia che all’estero e, nel nostro Paese, tanto nel canale della grande distribuzione che
nell’horeca. Chi va bene, ha goduto nel 2009 anche di un ridotto, o nullo, incremento nei costi. Chi va male, però, registra gravi scompensi su tutta la linea: ha visto ridursi le quote di
mercato in Italia, è cresciuto molto poco all’estero, non ha “convinto” l’horeca ed è stato penalizzato da un incremento dei costi significativo. E questa forbice, molto netta,
sembra essere una delle caratteristiche salienti del 2009 che, evidentemente, ha fatto in qualche modo “selezione” fra le cantine.

Al di là della capacità delle singole cantine di reagire alla crisi, vi sono ancora dei “colli di bottiglia” che frenano lo sviluppo: ricarichi eccessivi lungo la filiera e nella
ristorazione; la scarsa cultura manageriale e il sottodimensionamento delle aziende; il costo del credito e la difficoltà di accedervi; la carenza di infrastrutture. Il mondo del vino
italiano, ad ogni modo, continuerà anche quest’anno nella fase di investimento. Chiede però degli interventi precisi per continuare a restare competitivo: aiuti a chi esporta e
sgravi fiscali per chi ancora investe; un sostegno marcato al “turismo del vino” che porta business direttamente in cantina.

Vinitaly.com
Redazione Newsfood.com+WebTV

Leggi Anche
Scrivi un commento