Verona: Attività formative dell’Enaip del Nord est

 

Enaip Trentino

L’ENAIP Trentino concorre all’erogazione del servizio educativo provinciale, secondo le modalità e le condizioni previste dalla legge provinciale n° 5 del 7
agosto 2006 («sistema educativo di istruzione e formazione del Trentino») e nel rispetto della legge n° 62 del 10 marzo 2000.

E’ presente sul territorio provinciale con 9 CFP impegnati nell’erogazione di un’offerta formativa coerente: con gli ordinamenti; con i bisogni espressi dal territorio
(famiglie e imprese).

In tale contesto, l’ENAIP Trentino realizza il percorso triennale di base contribuendo

– all’assolvimento dell’obbligo di istruzione fino al 16° anno di età;
– all’assolvimento del diritto dovere alla formazione fino al 18° anno di età;
– alla formazione per l’apprendistato professionalizzante e per l’acquisizione di titoli di studio;
– alla formazione per adulti sia per il conseguimento dei titoli che per il conseguimento dei patentini e della certificazione di mestiere.

L’ENAIP Trentino opera in quattro settori: Industria e artigianato; Alberghiero; Terziario; Legno; coinvolgendo nel triennio di base circa 1600 studenti per altre 100.000 ore di
formazione.

Le qualifiche rilasciate sono quelle di:

Industria e Artigianato:

– Operatore/Operatrice elettrico;
– Operatore/Operatrice elettronico;
– Operatore/Operatrice alle lavorazioni meccaniche;
– Operatore/Operatrice professionale edile;
– Riparatore/Riparatrice di autoveicoli.

Alberghiero:

– Operatore/Operatrice ai servizi di cucina;
– Operatore/Operatrice ai servizi sala-bar;
– Operatore/Operatrice ai servizi di ricevimento.

Terziario:

– Operatore/Operatrice ai servizi d’impresa.

Legno:

– Operatore/Operatrice alle lavorazioni di falegnameria.

E’ impegnato da cinque anni nella sperimentazione (di cui si è avviata la messa a sistema nel corso di questi mesi) dei IV anni per l’acquisizione del Diploma
professionale. In tale ambito realizza 10 percorsi coinvolgendo circa 170 allievi e circa 400 aziende che: condividono il progetto (molte di queste hanno contribuito in qualità
di partner ad individuare i profili e a realizzare la progettazione dei percorsi); lavorano direttamente nella realizzazione della proposta formativa operando, grazie al percorsi in
alternanza, come sedi formative per circa il 50% delle attività previste.

La rilevazione ottenuta nel giugno 2008 somministrando un questionario apposito a 307 tutor aziendali che hanno partecipato all’edizione 2007-2008, mette in evidenza un’alta
coerenza tra le modalità formative adottate tra il CFP e l’azienda, buoni rapporti con i progettisti del Centro di formazione e soddisfazione per gli esiti conseguiti dagli
allievi.

L’ENAIP Trentino realizza inoltre tre percorsi sperimentali di Alta formazione. Si tratta di percorsi biennali ai quali accedono allievi in possesso di Diploma professione e/o
Diploma di Secondaria Superiore.

Sono attualmente in fase di avanzata realizzazione i percorsi di:

– Tecnico superiore per l’energia e l’ambiente (15 allievi);
– Tecnico superiore per lo sviluppo dell’edilizia sostenibile (12 allievi).

E’ in fase di avvio il percorso di Tecnico superiore di cucina (15 allievi).

Anche questi percorsi sono rivolti:

– a figure professionali individuate congiuntamente al mondo dell’impresa e della ricerca e disegnano profili di uscita condivisi sia in termini di attuale richiesta, che di
«anticipazione» rispetto alle linee di sviluppo territoriale tracciate, in un confronto sul Piano di Sviluppo provinciale, che ha visto impegnati negli scorsi anni la
Provincia Autonoma di Trento e le Parti Sociali;

realizzati con una forte presenza della modalità del tirocinio (1200 ore sulle 3000 complessive).

Dall’anno formativo in corso l’ENAIP Trentino realizza i percorsi per l’acquisizione del titolo triennale anche in fascia oraria serale, aprendo ad un’utenza
adulta, spesso già occupata nei settori di riferimento o orientata ad aumentare la propria occupabilità.

Si tratta di percorsi per il conseguimento della qualifica di:

– Operatore/Operatrice meccanico (21 allievi);
– Operatore/Operatrice elettrico (24 allievi).

L’ENAIP Trentino realizza, in convenzione con l’Agenzia del Lavoro della Provincia Autonoma di Trento, circa 10.000 ore annue di formazione per l’apprendistato
professionalizzante (post diritto-dovere) relativamente ai settori: Meccanico, Elettrico, Elettronico, Termoidraulico; Legno; Alberghiero e della Ristorazione. Per questa
attività coinvolge annualmente circa 800 tutori dell’apprendistato nella formazione prevista dalla normativa.

Infine, rivolge circa 2.000 ore di formazione ad interventi di varia durata, previsti dalle leggi di settore, per l’acquisizione di patenti di mestiere quali:

– Operatore di Saldatura;
– Macchinista caposervizio di sciovia e seggiovia;
– Macchinista caposervizio impianti di risalita ad agganciamento automatico;
– Conduttore di generatori di vapore;
– Conduttore di impianti termici;
– Responsabile tecnico delle revisioni (auto e moto).

Da questa descrizione dell’offerta formativa dell’Enaip Trentino emerge chiaramente come le relazioni tra i Centri ENAIP e il mondo dell’impresa sono forti, costanti e
strutturate.

La Formazione Professionale trentina, cui l’ENAIP Trentino concorre in modo assai rilevante, viene monitorata congiuntamente al sistema scolastico provinciale da un Comitato di
Valutazione «esterno» che la Provincia ha voluto garantirsi a partire dal 1996.

Gli esiti dei qualificati e dei diplomati sono disponibili attraverso apposite rilevazioni che l’Osservatorio provinciale del Mercato del Lavoro conduce sistematicamente dal 1986.

La rilevazione evidenzia un tasso di occupazione a 18 mesi dal conseguimento del titolo che si attesta stabilmente negli anni attorno all’80 – 85%.

Rispetto ai settori a prevalenza formativa ENAIP, in particolare l’Industria e Artigianato, spicca il tasso di occupazione dell’88,1%, con valori di occupazione coerente
attorno al 60% (dati resi disponibili nell’autunno 2007 e relativi ai qualificati 2004-2005).

ENAIP FRIULI VENEZIA GIULIA

Enaip FVG svolge attività di studio, ricerca, documentazione, osservazione fabbisogni formativi; orientamento ed accompagnamento all’inserimento lavorativo ed alla creazione
d’impresa; progettazione, formazione, formazione a distanza, assistenza tecnica, servizi alle imprese. Tali servizi vengono realizzati in Regione, a livello nazionale, nei paesi
dell’UE, nei paesi dell’est europeo e nel quadro delle politiche di cooperazione internazionale. E’ ente riconosciuto ai sensi della L.R. 76/82, concerenente l’ordinamento
professionale nella Regione.

Enaip FVG progetta e realizza a livello regionale: corsi di primo livello; percorsi integrati nell’ambito dell’obbligo formativo; corsi di secondo livello, rivolti a neo-diplomati;
percorsi per laureati; corsi di aggiornamento e specializzazione, rivolti ad adulti occupati e disoccupati, sulla base di piani formativi annuali approvati e finanziati dalla regione
Friuli-VG, di finanziamenti FSE regionali e nazionali o su commessa aziendale; percorsi per l’apprendistato; per soggetti svantaggiati; di formazione individualizzata; in Fad.

Per le attività di ricerca Enaip FVG realizza attività sistematiche finalizzate alla comprensione delle dinamiche evolutive del mercato del lavoro, dei fabbisogni delle
imprese, delle caratteristiche dei profili professionali. Svolge ricerche metodologiche sulle modalità di formazione e di valutazione formativa. Le attività sono
assicurate dalla direzione innovazione, sviluppo e progettazione con l’utilizzo di progettisti e ricercatori interni, di consulenti e società di ricerca esterni.

APPRENDISTATO

Enaip FVG è ente capofila di «apprendistato.fvg.it», una delle tre associazioni temporanee di impresa che in Friuli rappresentano soggetti attuatori, su incarico
dell’amministrazione, della proposta formativa per apprendisti, e che raccolgono al loro interno i principali enti di formazione professionale e istituti secondari superiori del Friuli
Venezia Giulia.

Nell’ottobre 2003 le tre ATI hanno sviluppato un progetto comune, chiamato «Verso un modello regionale comune di formazione esterna per l’Apprendistato», inteso a promuovere
una convergenza fra le prassi adottate dai vari soggetti. Tra il 2004 e 2008 sono stati realizzati una serie di interventi che hanno portato all’adozione di prassi comuni nelle
procedure di progettazione, erogazione e gestione della formazione degli apprendisti.

I comparti di pertinenza dell’ATI «apprendistato.fvg.it» sono: Agricoltura, allevamento, vivai; Alimentari; Commercio; Gestione magazzino; Impiantistica;
Metalmeccanico e metallurgia; Riparazione autoveicoli; Stampa, editoria; Trasporti e Logistica.

Alcune cifre per gli ultimi due anni:

2007

totale corsi erogati: 2217
totale apprendisti in formazione: 5399
totale ore allievo : 451278
importi riconosciuti: 5.639.494,50

2008 in progress

totale corsi erogati: 2203
totale apprendisti in formazione: 6008
totale ore allievo: 409318
importi riconosciuti ad oggi: 5.116.475,00

PERCORSI TRIENNALI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE RIVOLTI AI GIOVANI DI ETÀ INFERIORE AI 18 ANNI

Enaip FVG è ente capofila dell’Associazione Temporanea di Scopo EFFE.PI, realtà associativa che in regione Friuli Venezia Giulia gestisce i percorsi triennali di
formazione professionale rivolti ai giovani di età inferiore ai 18 anni e finalizzati al conseguimento di una qualifica professionale o a crediti per il suo conseguimento; detti
percorsi vengono svolti in integrazione con il sistema scolastico regionale cercando di garantire in parallelo anche attività di ricerca e sperimentazione pedagogica
relativamente ai percorsi stessi.

Le qualifiche rilasciate dai centri Enaip FVG di Trieste e Pasian di Prato (UD) sono quelle di Installatore di apparecchiature elettroniche civili e industriali, Installatore di
impianti di automazione industriale, Autocarrozziere, Manutentore autovetture. Per l’anno formativo in corso, sono attive 18 classi per un numero complessivo di circa 300 allievi.

CORSI DI FORMAZIONE PER AZIENDE

Enaip FVG realizza corsi per aziende finanziati a valere sui bandi regionali relativi a fondi FSE, L23/93, L53/00.

I canali di finanziamento per i quali si citano alcuni dati sono:

– FSE ASSE D1 AZIONE 26 – Formazione continua nelle imprese secondo le definizioni comunitarie a sostegno dei processi di innovazione tecnologica, organizzativa e di mercato

– L236/93 art 9, commi 3 e 7 – Formazione continua

Nell’ambito dell’Asse D del POR Friuli 2000/2006, EnAIP FVG ha gestito in particolare 2 Piani formativi di cluster intersettoriale, Internazionalizzazione e People
Management, rivolti ad imprese anche non appartenenti allo stesso settore produttivo ma riguardante tematiche di carattere comune. Il Piano formativo di cluster intersettoriale promuove
l’adozione di modalità e strumenti condivisi rispetto ad una tematica individuata (ICT, marketing, internazionalizzazione, ecc…) da parte di imprese che mirano, in
tal modo, a consolidare la professionalità delle proprie risorse umane e accrescere la propria competitività.

Internazionalizzazione. Processo che ha portato alla individuazione del cluster: L’attività di analisi che ha portato alla specificazione del Cluster ha preso avvio da un
confronto che ENAIP FVG ha avuto con Assindustria relativamente ai fabbisogni formativi e consulenziali necessari da un lato per sostenere i processi di internazionalizzazione e
delocalizzazione già realizzati da parte delle imprese della nostra regione dall’altro per favorirne e stimolarne un ulteriore sviluppo. L’ingresso dei dieci nuovi Stati membri
nell’UE rappresenta infatti un’opportunità di crescita e sviluppo da cogliere immediatamente. L’analisi ha comportato inoltre lo studio di un insieme di documenti programmatori,
di indirizzo, di accordi fra associazioni di categoria, enti locali e parti sociali, di rapporti di ricerca che hanno permesso di meglio identificare i confini del Cluster e le
necessità cui offrire risposta con il relativo piano d’intervento.

People management. Mentre l’Europa allunga il passo allargandosi verso vero Est e verso Sud, il Friuli Venezia Giulia riacquista una centralità territoriale
d’importanza strategica. Un nuovo posizionamento sul mercato centroeuropeo e globale è la sfida della Piccola Media Impresa regionale, tradizionalmente ricca di
professionalità, creatività e volontà. L’innovazione è la chiave che proietterà le nostre aziende sul mercato, creando il valore aggiunto che
garantisce la competitività. Accanto a fattori strategici come la ricerca e lo sviluppo di nuovi prodotti, le politiche industriali e i riassetti organizzativi e gestionali, un
investimento forte sugli uomini è elemento trasversale decisivo.

La mission del piano formativo: focalizzarsi sulle persone, per sostenere il cambio culturale che deve investire le imprese e il sistema produttivo; condizione necessaria per sostenere
processi di innovazione che abbiano respiro strutturale e non congiunturale.

Partners per la progettazione e l’erogazione del piano sono stati EnAIP FVG, SPC (Scuola di Process Counseling), DOF Counseling Consulting Company, M&IT Consulting, Tradinvest
Management Ltd.

Elenco Corsi
(in allegato il pdf)

ATTIVITÀ FORMATIVE PREVISTE DA SPECIFICHE LEGGI NAZIONALI E/O REGIONALI PER L’ACCESSO A DETERMINATE ATTIVITÀ PROFESSIONALI.

Nel 2007 sono stati realizzati:

– 8 corsi (circa 1000 ore di formazione) per “Conduttori di impianti termici”, “Conduttori di generatori a vapore”, “Formazione teorico-pratica per
lavoratori e preposti addetti al montaggio/ smontaggio/ trasformazione di ponteggi”;

– 32 corsi (circa 1000 ore di formazione) per “Addetti e responsabili servizi prevenzione e protezione (ex d.lgs 195/1993)”;

– 9 corsi (più di 300 ore di formazione) per “Tecnici di operazioni di revisione periodica dei veicoli a motore e loro rimorchi e per responsabili tecnici di operazioni di
revisione periodica dei motoveicoli e dei ciclomotori “

CATALOGO REGIONALE DELLA FORMAZIONE PERMANENTE

Il Catalogo è costituito da una serie di percorsi formativi presentati da organismi di formazione accreditati dalla Regione e approvati Direzione centrale Lavoro, Formazione,
Università e Ricerca a valere sulla Misura C4 – Formazione permanente – del POR FSE 2000/06.

I percorsi, che costituiscono prototipi attivabili dall’organismo titolare ogniqualvolta siano raggiunti livelli minimi di partecipazione previsti, sono classificati nelle macro
aree tematiche delle Lingue straniere, Informatica, Gestione aziendale, Tecniche di lavorazione industriale, Tecniche di lavorazioni agricole, Nuovi bacini di impiego, Promozione e
diffusione dell’innovazione.

Può accedere al Catalogo tutta la fascia della popolazione attiva del Friuli.

Lo stesso Catalogo è stato erogato anche con fondi stanziati dalla L236/93 con destinatari specifici i dipendenti di imprese operanti nel territorio regionale.

Corsi a Catalogo
(in allegato il pdf)

ENAIP VENETO

Enaip Veneto è presente sul territorio regionale con 22 Centri di formazione professionale

Nel recente anno scolastico 07/08 la percentuale di studenti in Italia che hanno frequentato i percorsi di formazione professionale è stata prossima al 5 % della popolazione
scolastica nazionale. Nel Veneto tale percentuale è stata pari al 9.1%.

EnAIP Veneto con 3000 allievi e 177 corsi erogati ( di cui 62 di primo anno, 56 di secondo anno e 59 di terzo) ha coperto il 18% dell’offerta formativa relativa ai percorsi di
istruzione e formazione professionale iniziale della propria Regione sia in termini di corsi erogati che di utenza frequentante

Quello che caratterizza e qualifica l’azione formativa di EnAIP Veneto sono la particolare attenzione a tre aspetti

– le metodologie didattiche attive adottate nei propri percorsi
– il rapporto con il tessuto produttivo e l’essere azione e strumento di «politica attiva del lavoro»
– la forte attenzione allo studente ed alla sua famiglia ed alla loro progettualità

Centrale nell’esperienza nell’azione formativa d’aula è la didattica laboratoriale; viene facilitato un apprendimento dove l’enfasi è posta sulla
relazione tra la propria esperienza diretta e quei saperi necessari ad affrontare il compito od il problema reale da risolvere e che permette anche il coinvolgimento emotivo degli
studenti; tale approccio centrato sull’operatività comporta anche che il risultato sia un prodotto cooperativo, ottenuto dall’ interazione con gli altri compagni che
intervengono nell’esperienza. Si sviluppano così naturali processi di integrazione, capacità di valorizzazione di strategie di soluzione diverse e sinergie di
risorse e capacità individuali.

L’intervento formativo di EnAIP Veneto è trasversale a tutti i settori produttivi e dei servizi. Nell’a.f. 07/08 l’attività dei corsi si è rivolta
per il 10% al comparto turistico alberghiero, con un’identica percentuale del 29% sia al comparto meccanico che a quello elettrico/elettronico, per il 12% al comparto estetica ed
acconciatura, per il 2% al comparto tessile e per il 19% al comparto dei servizi amministrativi e commerciali

Tale ripartizione del nostro intervento formativo è sostenuta da un forte rapporto con il tessuto produttivo in cui operano i nostri Centri. Momento vitale per l’avvio, la
permanenza e l’espansione di tale rapporto è l’esperienza dello stage/tirocinio formativo presente nei nostri percorsi e che impegna i nostri studenti per 360 ore del
loro percorso di 2° e 3° anno. E’ il confronto con l’azienda, con il tutor aziendale che ha seguito lo studente nell’esperienza lavorativa ed ha misurato la
valenza della nostra azione formativa, che determina le necessità di implementazione costante dei nostri curricoli formativi, delle nostre attrezzature e tecnologie, dei nostri
approcci d’aula in termini di relazioni e comportamenti da sviluppare. Le aziende coinvolte superano le 2500 e con ciascuna di esse vengono fatti dai 2 ai 3 incontri. Tali
incontri però non riguardano solo le attività rivolte alla formazione iniziale ma anche tutte le attività di formazione superiore post qualifica e post diploma e di
formazione continua.

I diversi livelli di intervento permettono, all’interno di EnAIP Veneto una continua sinergia in termini di progettualità formativa e di individuazione dei bisogni di
aggiornamento delle risorse umane richiesti da parte delle aziende

Tale stretto rapporto permette un forte aderenza delle qualifiche formate con le richieste provenienti dal mercato del lavoro. Il tasso di occupazione raggiunto al termine della
qualifica supera il 91% e quello di un occupazione coerente l’84%. Esistono comparti come quello meccanico per cui tali valori sono superiori.

A tali valori si associano le possibilità di sviluppo di carriera che vanno da quella di diventare titolari d’azienda (anche con più di 60 dipendenti) a quella di
responsabili di reparto e/o di produzione o di responsabili di uffici tecnici nell’ambito della programmazione dei cicli di lavorazione di impianti e/o di macchine a controllo
numerico

Terzo aspetto, ultimo ma non meno importante, la valenza sociale oltre che educativa formativa dell’intervento di EnAIP Veneto. Tale dimensione viene resa partendo dal soffermarsi
sulla composizione di tale utenza. Il primo dato significativo è rappresentato dall’analisi dell’esperienza scolastica vissuta fino al momento della scelta dei nostri
corsi, dagli studenti dei primi anni di corso; il 32,9% di loro non ha avuto insuccessi scolastici alla scuola secondaria di primo grado, il 55,6% ha avuto comunque almeno un insuccesso
scolastico di cui il 32,2% nel primo ciclo il 23,4 % alle superiori, il 10,1% ha avuto almeno due insuccessi nel ciclo secondario e l’1,4% tre insuccessi scolastici precedenti.
E’ evidente il collegamento di tali dati con il contrasto alla dispersione scolastica.

Altro dato significativo è la partecipazione ai nostri corsi di studenti provenienti da paesi extracomuitari; nell’anno formativo 07/08 gli studenti dei primi anni sono
stati per il 35% , per il secondo per il 26% e per i terzo per il 21% provenienti da paesi extracomunitari. I nostri percorsi diventano quindi strumento primo per l’integrazione
sociale delle famiglie.

Ultimo dato sono gli studenti che al termine del percorso di qualifica hanno scelto di continuare il proprio progetto formativo nella scuola. Il 15% di loro ha scelto di proseguire sia
verso gli istituti tecnici (42%) che verso gli istituti professionali (58%).

 

Leggi Anche
Scrivi un commento