Veneto: siglato protocollo per alternanza scuola-lavoro

Venezia, 5 Novembre 2007 – Questa mattina a Palazzo Balbi, sede della Giunta regionale a Venezia, la Regione Veneto, l’Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto, Unioncamere del Veneto
e le parti sociali hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa per sostenere e valorizzare iniziative diffuse di Alternanza Scuola-Lavoro. Tali Iniziative riguardano la realizzazione di percorsi
formativi progettati, attuati e valutati dalle istituzioni scolastiche e formative all’interno del Piano dell’Offerta formativa di ogni singolo Istituto, in collaborazione con le Camere di
Commercio, le imprese, gli Enti pubblici e privati (incluso il Terzo settore) le libere professioni. Il tutto va nella direzione di assicurare ai giovani l’acquisizione di conoscenze di base e
trasversali, nonché il conseguimento di competenze spendibili nel mercato del lavoro.

Le parti firmatarie porranno in essere azioni finalizzate a prevenire e contrastare la dispersione, gli abbandoni dei percorsi di istruzione e formazione, gli insuccessi e i disagi della
condizione giovanile; promuovere e sostenere un piano strategico per favorire un raccordo sempre più stretto e proficuo tra scuola, università e sistema imprenditoriale regionale;
rafforzare e sviluppare il grado di qualità e di innovazione dell’istruzione e della formazione così come richiesto dagli standard europei; contribuire alla formazione di risorse
umane dotate di alte conoscenze e di elevata cultura di base, nonché di competenze professionali idonee ad accedere al mondo del lavoro; favorire la diffusione del sistema di Alternanza
attraverso un piano di azioni di accompagnamento rivolto sia ad istituzioni scolastiche che al mondo del lavoro; e stimolare l’attività di équipe anche attraverso la creazione di
Imprese formative simulate.

Per l’assessore regionale all’Istruzione, Formazione e Lavoro, Elena Donazzan, «questo protocollo è molto importante perché la nostra è la prima Regione in Italia ad
avere condiviso con tutte le parti datoriali e sindacali, e con il mondo della scuola, una metodologia didattica oramai diventata caratteristica del Sistema Veneto». «Sistema che
crediamo – ha aggiunto Donazzan – possa e debba diventare un modello per le altre Regioni d’Italia». Carmela Palumbo, direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale, ha sottolineato che
«Il nostro intento è quello di implementare queste esperienze con ciò che concerne l’istruzione liceale, coinvolgendo in questo caso, invece delle imprese, i liberi
professionisti e la Pubblica amministrazione». In calce al Protocollo, ci sono le firme dell’Assessore Elena Donazzan; di Carmela Palumbo (Ufficio scolastico regionale per il Veneto), di
Federico Tessari (Unioncamere del Veneto); di Giampaolo Pedron (Associazioni imprenditoriali); di Leopoldino Lago (Snals Confsal); di Emilio Viafora (Cgil); di Giulio Fortuni (Cisl) e Gerardo
Colamarco (Uil).

Leggi Anche
Scrivi un commento