Vecchioni (Confagricoltura): «sugli OGM ascoltare il mondo scientifico»

Roma – “Ascoltare tutte le voci, compresa quella della scienza” è questo l’appello lanciato dal presidente di Confagricoltura Federico Vecchioni commentando il nuovo “no” alle
sperimentazioni in campo di Ogm da parte del ministro dell’Ambiente Pecoraro Scanio e reso noto nei giorni scorsi.

“Per questo – ha proseguito Vecchioni – sono quanto mai opportune iniziative come quella organizzata oggi, con il coinvolgimento di politica e scienza, dal Comitato di Coordinamento SAgRi.”

Confagricoltura ritiene, infatti, che debba essere tenuto in debito conto anche il parere delle Accademie e Società scientifiche e dei tantissimi ricercatori per i quali sugli Ogm
è essenziale passare alla ricerca in pieno campo; con tutte le precauzioni del caso, ma senza preclusioni assolute.

“Non possiamo ignorare – ha proseguito il presidente di Confagricoltura – che è rimasto praticamente inascoltato l’appello firmato da ricercatori e genetisti agrari che hanno chiesto
solo di poter «studiare gli Ogm in pieno campo senza condizionamenti e senza pregiudizi, come avviene in tutta Europa», dove oggi sono già oltre 100 mila gli ettari di
colture geneticamente modificate”.

“Così come va preso atto che, da alcuni anni, c’è un vasto consenso della comunità scientifica sul fatto che gli Ogm sono regolati da un quadro normativo che non ha eguali
e che la coesistenza con i diversi sistemi di produzione agricoli è possibile, anche sulla base dei principi stabiliti a livello europeo.”

“Confagricoltura – ha concluso il suo presidente Vecchioni – non ha atteggiamenti preconcetti e ritiene che la questione Ogm vada affrontata una volta per tutte, senza pregiudizi di sorta e con
tutte le cautele del caso. Ma vanno ascoltate tutte le voci, nell’interesse dell’agricoltura e del Paese”.

(Fonte: Gmo-compass.org)

Paese

Ha

Spagna

75.000

Francia

20.000

Germania

2.650

Repubblica Ceca

5.000

Portogallo

3.000

Totale

105.650

Leggi Anche
Scrivi un commento