Undici progetti emiliani per il commercio in vetrina a Cannes

Emilia Romagna, 23 novembre 2007 – La Regione ha presentato a Cannes undici progetti per lo sviluppo commerciale di altrettanti centri urbani, vetrina d’eccezione, l’edizione 2007 del
Mapic, la più importante fiera internazionale dedicata allo sviluppo commerciale dei centri urbani, alla grande distribuzione e al franchising che ha chiuso i battenti con un record di
presenze: oltre diecimila visitatori provenienti da 67 Paesi e più di 900 società.

I progetti portati a Cannes – alcuni dei quali già avviati – sono stati proposti in collaborazione con le Province di Bologna, Forlì-Cesena, Modena, Ravenna, Reggio Emilia, Parma
e i Comuni di Carpi (Mo), Castelnovo ne’ Monti (Re), Correggio (Pr), Forlì (Fc), Forlimpopoli (Fc), Lugo (Ra), Modena e Salsomaggiore (Pr).

Si tratta, principalmente, di interventi di riqualificazione e valorizzazione commerciale finanziati attraverso fondi regionali ed europei.

Un’attenzione particolare è andata alla promozione dei cosiddetti “centri commerciali naturali”, ovvero vie, piazze, gallerie e quartieri dove nel corso del tempo sono nati e cresciuti
negozi, botteghe artigiane, bar e ristoranti. Ma spazio è stato dato anche, ad esempio, alla stazione ferroviaria che verrà costruita nei prossimi anni a Bologna e che sarà
dotata di attività commerciali e servizi in modo tale da renderla un luogo attraente, e non solo di passaggio.

La valorizzazione commerciale è da tempo uno degli obiettivi dell’azione regionale..
Uno sguardo ai dati: i progetti che sono stati ammessi a finanziamento nel periodo 2001-2005 sono stati 1417, per un investimento totale di 453 milioni di euro, di cui 55 milioni di contributi
pubblici. Novantaquattro i programmi di intervento per l’attivazione dei centri commerciali naturali finanziati nel 2006, con un investimento complessivo di 64 milioni di euro (7,5 milioni i
contributi pubblici). I progetti di piccole medie imprese in aree svantaggiate ammessi a finanziamento negli anni 2002-2005 sono stati 638: l’investimento globale è stato di 32 milioni
di euro, di cui 8,7 milioni di contributi pubblici.

Leggi Anche
Scrivi un commento